BIOGRAFIA

3.8.17

VACCINAZIONI IN ITALIA: ORDINE DI WASHINGTON

di Gianni Lannes

La prima imposizione è stata impartita negli States da Obama il 29 settembre 2014: "Italia  capofila mondiale delle vaccinazioni", con la promozione l'indomani di Raniero Guerra (già con un piede nella fondazione Glaxo Smith Kline e presente all'incontro) a direttore generale del ministero della cosiddetta "salute". Il 19 maggio scorso, in conferenza stampa, il ministro Lorenzin ha dichiarato: "Ranieri Guerra è il responsabile di tutto ciò". Quindi, a rigor di logica documentata e provata, la GSK ha materialmente quantomeno ispirato il famigerato ed incostituzionale decreto legge 73 del giugno 2017, convertito in legge dal Parlamento di onorevoli abusivi ed illegittimi (così ha stabilito la sentenza numero 1 del 2014 emessa dalla Corte Costituzionale). Non è tutto. Esattamente il 4 novembre 2016 è stato emesso l’ordine presidenziale che vale anche per la colonia italidiota: “Advancing the Global Health Security Agenda to Achieve a World Safe  and Secure from Infectious Disease Threats”.
 Non c'è alcuna epidemia: gli esperti di Stato hanno tutti mentito. Proprio nel belpaese saranno sperimentati nuovi vaccini su neonati, bambini e adolescenti sani. Il popolo italiano ha solo una strada da percorrere: la mobilitazione popolare per impedire che i nostri figli diventino delle cavie a buon mercato.



riferimenti:



Nessun commento:

Posta un commento

Gradita firma degli utenti.