31.12.16

MANFREDONIA: ALLEVAMENTI DI PESCI NEL MARE INQUINATO




di Gianni Lannes

Manfredonia è inserita tra i siti contaminati di interesse nazionale dal 1998, in base alla legge 426. Il ministero dell’Ambiente con decreto del 10 gennaio 2000 ha perimetrato un’area di appena 10,7 chilometri quadrati, di cui 8,5 in mare, che ingloba interamente il cosiddetto "porto alti fondali" e si protende al largo. Stranamente, la carta dell'Istituto Geografico Militare (in scala 1:50.000) pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 26 febbraio 2000 (serie generale numero 47) è una vecchia mappa che non riporta il porto industriale (alti fondali) ultimato nel 1978.



30.12.16

ENERGAS/KUWAIT PETROLEUM: INQUINATORI A NAPOLI


di Gianni Lannes

Dopo aver inquinato Napoli ora pretendono di sporcare e distruggere Manfredonia e la Daunia. Non si illudano: potranno comprare l'autorizzazione dello Stato, ma non la dignità di un popolo. Mai e poi mai realizzeranno i loro sporchi affari sulla nostra terra e nel nostro mare. Il 31 gennaio 2017, dopo aver battuto legalmente l'Energas/Kuwait Petroleum chiameremo ad un tavolo di trattative ufficiali il primo ministro Gentiloni e l'amministratore delegato dell'Eni, per ovviare dopo 20 anni alla mancata bonifica prevista dalla legge 426 del 1998. Questo progetto darà lavoro a disoccupati ed inoccupati per i prossimi decenni. Bisogna curare le ferite inferte a questo territorio e non violentarlo ancora per garantire il profitto economico a chi non ha scrupoli. Ma attenzione: il primo nemico è interno.


riferimenti:

http://www.bonifiche.minambiente.it/contenuti%5Cconvocazioni%5CProt._9229_STA_SIN_Napoli_Orientale.pdf 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=energas 



LA DIFFIDA AL MINISTRO DELRIO E LE AMNESIE DI EMILIANO







di Gianni Lannes

Ieri sera le persone più sensibili di Manfredonia - cordinate dal professor Italo Magno, già presidente nel 1988 del comitato popolare che lottò vittoriosamente contro l'Enichem - dopo aver già inviato un argomentato esposto il 22 dicembre scorso a Mattarella, Gentiloni e Calenda - hanno indirizzato al ministro Delrio, una comunicazione in cui chiedono più che motivatamente, di non rilasciare la concessione demaniale per 40 anni alla multinazionale Energas/Kuwait Petroleum. E' in gioco lo stupro ambientale della Daunia tramite un gigantesco complesso affaristico di gas a petrolio liquefatti (300 mila tonnellate annue di gpl). Così per scongiurare questa imminente concessione (elargizione) oggi è partita la pre-diffida a Roma.

26.12.16

ENERGAS/KUWAIT PETROLEUM: TRUCCHI SINISTRI



di Gianni Lannes

Associazione a delinquere di stampo istituzionale? Fatti non opinioni. Ecco una delle famigerate soluzioni all’italiana, per far realizzare a Manfredonia un'industria a rischio di incidente rilevante, di gas a petrolio liquefatti, non  conforme alla legge nazionale ed europea, nonché pericoloso per la sicurezza della comunità Dauna. Insomma una mastodontica speculazione, su cui è opportuna una particolare e urgente attenzione della magistratura antimafia. Una verifica patrimoniale non sarebbe male per aprire le danze.



25.12.16

LA STALLA DEL NATALE

di Gianni Lannes

Natale vuol dire qualcosa di diverso, vuol significare la natività di un essere, Gesù Cristo, che ha fatto una rivoluzione per cui l’essere umano non deve odiarlo l’altro, bensì amarlo. Per amare, tuttavia, è necessario avere un profondo rispetto dell’altro, a prescindere dal colore della pelle, rispetto che nasce dal riconoscimento che l’altro sei sempre tu. Ma pochi lo sanno, e così pochi amano veramente. Oggi ho incontrato una giovanissima mamma con un bambino appena nato: avevano soltanto gli occhi per piangere. Erano appena fuggiti dalla guerra in Siria, di cui noi occidentali siamo pienamente responsabili. Il nostro crasso tenore di vita, infatti, si mantiene sullo sfruttamento di altri popoli e sullo spargimento di terrore ovunque. Quindi, per favore, almeno ora che vi siete abbuffati a più non posso, evitate almeno l'ipocrisia.




24.12.16

LA TERRA DELL'ANGELO

 
 Gargano - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)

di Gianni Lannes

In alto dalle parti della grotta di San Michele le pecore calavano in silenzio, la massa bianco sporco rotolava sul pendio, e pareva una slavina giù dal monte dell’angelo guerriero. A dicembre era caduta tanta neve, e in mezzo alla montagna del sole il gregge si trascinava verso la candida Mattinata per ripararsi dal freddo e dal vento insidioso. Gli animali rotolavano nel soffice tappeto farinoso che ammantava boschi e praterie, dal mare ruggente su fino alle colline più aspre. Cani, pastori, pelame lanoso nuotavano affamati verso valle; era una massa liquida e silente. Tutto lì taceva. Fu allora che un suono modulato si sentì fluire dalla terra. Era più di un richiamo pastorale lanciato con maestria da qualcuno; piuttosto, era una cosa antica e senza tempo, che risvegliava le persone, ed era ovunque e in nessun luogo. A udirlo nel silenzio più assoluto il gregge si fermò senza bisogno di un richiamo, e anche i cani ammutolirono e poi latrarono lanciando un eco risonante. Era la voce del luogo che tuonava, quella che avevano udito gli esseri viventi, un canto dimenticato nel silenzio transumante. Svegliato dal richiamo tra i pini d’Aleppo cantava il Gargano all’unisono sotto la neve del generale inverno.
 

ENERGAS: ITALO MAGNO SCRIVE A DIAMANTE MENALE



 LETTERA APERTA

                    Manfredonia, 24 dicembre 2016

Alla cortese attenzione del

Signor Diamante Menale

Presidente di Energas S.p.A

                                                                     

            Gentile Signor  Menale,

Le scrivo questa lettera per dire che mi dispiace per i rapporti che si sono così incrinati tra Lei e la nostra città. Avremmo voluto che fossero diversi, come facilmente avviene tra noi e le persone che si avvicinano a questa città, solitamente cordiale con i forestieri.

            È Natale, ma non solo a Natale occorre saper mettere da parte i pensieri negativi, per far emergere i sentimenti migliori, finora sopiti, da parte nostra, nella difesa di interessi che fanno riferimento alla propria casa, alla bellezza del nostro habitat, alle sue possibilità di sviluppo, perfino alla nostra esistenza, che si ritiene esposta “a rischio rilevante” con l’insediamento dell’impianto che la Sua Azienda vorrebbe tumulare nei nostri luoghi. 

23.12.16

TAP: UN ALTRO LOSCO AFFARE DI GAS



 di Gianni Lannes

L’attuale stima si aggira sui 40 miliardi di euro per un rifornimento di gas azero alternativo a quello russo. La sua capacità comunque si esaurirà nel 2021, come ha documentato Bankwatch. Nel rapporto “Affari pericolosi - Chi approfitta del Corridio meridionale del gas?” c’è scritto: “Nella sua corsa per costruire il Corridoio Sud, l’Ue ha accettato di sacrificare i controlli - scrive l’ong -. Questo potrebbe ritorcersi contro l’Unione”. Il tratto dalla Grecia all’Italia vale 2 miliardi di euro: a erogarlo sarà la Banca europea degli investimenti, istituto a cui contribuiscono Paesi europei e Commissione (l’Italia detiene il 16 per cento del capitale). Allora, perché distruggere la Puglia? E la Xylella c'entra qualcosa?

riferimenti:


GAS, TANGENTI & RIFIUTI

di Gianni Lannes

Per caso in Italia i rifiuti si riciclano in politica? Un lancio dell'Ansa attesta: «Un sequestro preventivo di beni per 239,7 milioni di euro, disposto dal gip di Napoli, è stato eseguito stamane nei confronti della società Kuwait Petroleum Italia. L'ammontare è pari, secondo l'accusa della Dda partenopea, al profitto ottenuto mediante lo smaltimento illecito, a Napoli, di rifiuti di lavorazione pericolosi: 42mila metri cubi di acque oleose. Otto gli indagati. Nell'ambito dell'inchiesta erano stati sequestrati due anni fa alcuni impianti dell'azienda».

Kuwait Petroleum Corporation - una multinazionale petrolifera di proprietà dello Stato totalitario del Kuwait (a cui l’Italia ha venduto recentemente ben 28 velivoli da guerra con la benedizione di Renzi e Pinotti) - è comproprietaria di Energas: la sua quota è pari al 33,31per cento, attesta l’archivio ufficiale della camera di commercio di Napoli. Il 61,88 per cento è nella mani della Zeta Gas, mentre il rimanente 4,81 per cento appartiene a Di Mauro Vincenzo. Il mastodontico deposito di Gpl a Manfredonia è  la contropartita irrinunciabile della predetta vendita bellica?


22.12.16

GPL: L'ULTIMO DISASTRO!



È salito a una trentina il numero dei feriti del grave incidente ferroviario avvenuto nelle prime ore di sabato 10 dicembre 2016 a Hitrino, nel nordest della Bulgaria. Alcuni di loro sono in gravi condizioni. Resta fermo per ora a cinque il bilancio dei morti. I vigili del fuoco continuano a cercare eventuali altre vittime o superstiti tra le macerie delle case distrutte dall’esplosione e dal successivo incendio. Secondo fonti della polizia, gli ultimi due vagoni cisterna pieni di Gpl, del treno merci deragliato, che era composto da 26 vagoni cisterna di Gpl e propilene, sono esplosi dopo aver urtato alcuni pali elettrici provocando distruzioni su vasta scala. Il panorama è quelo di una città bombardata.


21.12.16

COLTIVIAMO IL FUTURO



di Gianni Lannes

Il vero lusso è la salute. La gente è impaurita, annichilita, stanca di vivere sempre peggio. Prendete un territorio del Sud, ferocemente industrializzato per rapinare ancora oggi le sue risorse all’insaputa della popolazione, ad esempio il metano, scoperto nella Daunia nei primi anni ’60. In cambio di una fabbrica chimica che ha seminato in loco, prevalentemente inquinamento, malattie e morte. Dopo una ribellione popolare nata dal basso nel 1988 contro le prevaricazioni dell'Eni, lo Stato che ti combina? Una beffa. Si inventa un contratto d’aria nel 1996, con la regia del prode mortadella, al secolo Romano Prodi. E invece di risanare il territorio, si autorizzano le speculazioni più bieche. Il caso dell'Energas/Kuwait Petroleum (Isosar) è soltanto l'ultimo della serie.

ENERGAS: TRASPARENZA NEGATA!

di Antonio Esposito


Le menzogne hanno le gambe corte. Il 29 ottobre Gianni Lannes su invito del professor Italo Magno ha tenuto a Manfredonia la prima conferenza sull’Energas/Kuwait Petroleum. In quell’occasione lo scrittore ha fatto riferimento esplicito, prima di chiunque altro, ad una denuncia da presentare a Bruxelles e Strasburgo. 

ENERGAS/KUWAIT PETROLEUM: IL SI DEL COMUNE DI MANFREDONIA


ATTENTI AL GAS!

 Nave Val Rosandra (Mare Adriatico, 1990) - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)



di Gianni Lannes

A proposito di incidenti. Ecco un fatto ormai dimenticato dalla memoria collettiva. Nella primavera del 1990 la nave gasiera Val Rosandra (di proprietà Ferchim, ovvero del gruppo Ferruzzi) attraccò al porto industriale di Brindisi, ma prese fuoco e fu rimorchiata al largo, dove in seguito esplose ed affondò. A Manfredonia l'Energas/Kuwait Petroleum vuole addirittura impiantare una gigantesca attività industriale dai risvolti pericolosi: essa movimenterà ben 300 mila tonnellate all'anno di gas a petrolio liquefatto, infiammabile ed esplosivo, considerato a rischio di incidente rilevante dalle direttive Seveso. Manfredonia non ha neanche un porto adatto per una simile speculazione, poiché quello esistente, denominato impropriamente "alti fondali", peraltro inserito in un'area marina di 853 ettari inquinata dall'Eni, perimetrata dal ministero dell’ambiente con decreto del 10 gennaio 2000 e non ancora bonificata, dove l'Ispra ha rinvenuto innumerevoli veleni tra cui il mercurio. Tale struttura non solo non ha il pescaggio adatto e i fondali idonei per garantire le manovre di sicurezze delle gasiere, ma risulta ufficialmente a rischio strutturale, ossia pericolante.

ENERGAS/KUWAIT PETROLEUM: SCACCO AL RE!

Manfredonia: 20 dicembre 2016
fonte: Stato Quotidiano:

"... Questa sera, con inizio alle ore 17,00, molti cittadini di Manfredonia si sono raccolti nella sede di MANFREDONIA NUOVA, sita in Piazza Giovanni XXIII, n. 4, per ascoltare, dalla viva voce dello scrittore Gianni Lannes, il testo integrale dell’istanza da trasmettere al capo dello Stato, Sergio Mattarella, al Primo Ministro, Paolo Gentiloni, ed al Ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda. Dopo la lettura dell’esposto, che punta ad ottenere una presa di posizione da parte delle Autorità in indirizzo, e gli interventi dei cittadini partecipanti, alcuni in rappresentanza di organizzazioni e raggruppamenti politici, si è concordato di inviare, nella giornata di domani, il documento formulato in maniera da impegnare subito i destinatari dell’esposto. E già questa sera si sono raccolte moltissime firme di sottoscrizione dello stesso.

Domani mattina, 21 dicembre, la sede di Manfredonia Nuova sarà aperta dalle ore 10,00 alle ore 12,30, per consentire l’ulteriore raccolta delle firme. Perciò invitiamo tutti i cittadini, che volessero sottoscrivere la petizione, di presentarsi muniti di carta di identità. Nel pomeriggio si provvederà alla spedizione dell’esposto e possiamo fin da ora anticipare le gentili Redazioni che ci ospitano ed i cittadini di Manfredonia che metteremo on line le copie delle ricevute delle raccomandate, perché il primo dovere da noi avvertito è quello della trasparenza ed il rispetto dei cittadini".

riferimenti:
  http://www.manfredonianews.it/manfredonia-nuova-e-la-raccolta-firme-per-listanza-contro-energas/

http://www.manfredonianews.it/lo-scacco-al-re-di-manfredonia-di-manfredonianuova-e-lannes-alla-politica-sipontina/

BANFI E LA FESTA ENERGAS/KUWAIT PETROLEUM

Napoli, 15 dicembre 2016

di Letizia Ricci

Mentre Gianni Lannes - che ha già smascherato pubblicamente ed inequivocabilmente il sindaco Riccardi del piddì - si sta battendo alla luce del sole, unitamente alle persone più sensibili della città di Manfredonia come Italo Magno e tanti altri, per impedire che venga impiantato a tutti i costi, violando leggi italiane e norme comunitarie, un complesso industriale a rischio di incidente rilevante secondo le direttive Seveso, che movimenterà 300 mila tonnellate all'anno di gas a petrolio liquefatto, in riva a questo angolo storico dell'Adriatico, un comico pugliese, ma che di certo non rappresenta neanche vagamente la Puglia, si piazza sul libro paga di Diamante Menale e fa da testimonial all'Energas (spot su telenorba). Alla festa a Villa Diamante il 15 dicembre scorso erano per caso presenti anche funzionari e/o dirigenti del Ministero dello Sviluppo Economico che hanno in carico il procedimento per il rilascio dell'autorizzazione unica? Ecco chi vuole realizzare lo stupro ambientale della Daunia. La Kuwait Petroleum in Italia è rappresentata ancora dai fratelli Cosentino?


19.12.16

MATTARELLA E GENTILONI DEVONO ARRESTARE L'ENERGAS/KUWAIT PETROLEUM

Ecco in anteprima il testo integrale dell'istanza redatta da Gianni Lannes, che il 20 dicembre sarà sottoscritta dalla cittadinanza sensibile di Manfredonia, e che il 21 dicembre sarà trasmessa al capo dello Stato, al primo ministro e al ministro dello sviluppo economico. Dopodiché, ovvero trascorsi 30 giorni dal ricevimento della presente, se tali autorità non arresteranno ufficialmente l'affare Energas/Kuwait Petroleum, il caso sarà portato direttamente all'attenzione della Corte di Giustizia Europea, della Commissione europea, della Corte dei diritti dell'Uomo e dell'ONU. Una strategia risolutiva non si improvvisa, ma va condivisa alla luce del sole. Ora è scacco al re: 10 a zero e palla al centro.




Al Presidente della Repubblica
Sergio Mattarella
c/o Palazzo del Quirinale
00187 Roma

Al Presidente del Consiglio dei Ministri
Paolo Gentiloni
c/o Palazzo Chigi
Piazza Colonna, 370
00187 Roma

Al Ministro dello Sviluppo Economico
Carlo Calenda
via Vittorio Veneto, 33
00187 Roma

Manfredonia, 21 dicembre 2016

Raccomandata A/R

N
oi cittadine e cittadini italiani, nati e residenti a Manfredonia, con l’ausilio dello scrittore Gianni Lannes (autore del dossier A tutto gas, di prossima pubblicazione), in ossequio ai dettami della Costituzione repubblicana e alla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, nonché alla Dichiarazione dei diritti del fanciullo e alla Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia, in virtù della Convenzione di Aarhus, ratificata dalla legge 108/2001, ai sensi del Trattato che istituisce la Comunità Europea, ratificato dalla legge 1203/1957 (in particolare l’articolo 174), nonché in considerazione della “Dichiarazione per il diritto del bambino ad un ambiente non inquinato” del 24 settembre 1999: «Il Comitato Nazionale per la Bioetica ha sempre avvertito l’esigenza di sottolineare la gravità e l’urgenza delle questioni connesse alla tutela dell’ambiente… e ha richiamato l’attenzione sulla necessità di stimolare un serio processo di sensibilizzazione riguardo l’improprio sfruttamento delle risorse ambientali, al degrado, all’inquinamento ed ai rischi ad essi associati per la salute umana… la tutela dell’ambiente chiama in causa valori e beni fondamentali come la qualità della vita, il rispetto per la comunità biotica, la tutela della salute umana… la politica e il diritto hanno e devono mantenere un ruolo prioritario in quanto la loro ragion d’essere è data proprio dalla tutela dei diritti e valori umani per i quali non è ammissibile alcuna forma di negoziazione… Il diritto ad un ambiente non inquinato va considerato ormai parte integrante del diritto alla salute in quanto quest’ultimo è evidentemente pregiudicato dalla violazione sistematica dell’equilibrio ambientale»,

16.12.16

UNA BOMBA AD OROLOGERIA AL POSTO DEL TRENO PASSEGGERI!


Sipontum: area archeologica, distributore Energas e stazione fantasma - foto Manfredonianews


di Gianni Lannes

Altro che energie rinnovabili, altro che modernità, altro che futuro, altro che qualità della vita, altro che democrazia. Il presente è ancora un tombino industriale per il Sud Italia, usato come la discarica dell’Europa. Bentornati nell’era della pietra, anzi dei fossili sopravviventi. Non è uno scherzo di Carnevale. Il capoluogo della Daunia doveva essere la seconda stazione più importante d’Italia, dopo quella di Bologna. Invece il nevralgico scalo ferroviario (collegamenti nord-sud, est-ovest della Penisola) è stato gradualmente e volutamente trasformato in un ramo secco; adesso il governo tricolore ha congelato i fondi già stanziati per tutte le dorsali ferroviarie nel Mezzogiorno d’Italia. Dal 12 dicembre 2016 Trenitalia ha pure soppresso lo storico collegamento passeggeri da Manfredonia a Foggia e viceversa. L'inghippo dell'imbroglio legalizzato, si fa per dire, è sepolto qui.

15.12.16

MERCURIO ENI NELL'ADRIATICO

 



di Gianni Lannes

Avvelenamento infinito ed impunito. Peggio della mafia c'è soltanto l'omertà dello Stato italiano. Le autorità tricolori ad ogni livello hanno consentito all'Eni di  seminare malattie e morte in un paradiso terrestre. E' accaduto a Manfredonia, ma non solo: una strage legalizzata di ignara popolazione e ancora speculazioni in grande stile, incluse le trivelle petrolifere, a danno della gente. La legge 426 del 1998 ha inserito questa zona nei 16 siti di interesse nazionale da bonificare. Con decreto del ministero dell'ambiente datato 10 gennaio 2000, il territorio da mettere in sicurezza e bonificare è stato perimetrato. Soltanto l'area marina inquinata dall'Eni - senza contare la terraferma - si estende per 853 ettari, pari a 8,5 chilometri quadrati. Nel 2008 l'Ispra ha rilevato proprio in loco, ovvero nella zona prospiciente il petrolchimico Anic-Enichem concentrazioni abnormi di veleni industriali, ma soprattutto il letale mercurio. A tutt'oggi, grazie anche all'evidente disinteresse istituzionale, nonostante i recenti rilievi dell'Arpa, non è stato disinquinato un centimetro quadrato di questo mare in agonia. Proprio qui dove il pericolo sismico e idrogeologico è notoriamente presente, il governo italiano intende autorizzare l'Energas/Kuwait Petroleum ad installare un impianto produttivo di gas a petrolio liquefatto, a rischio di incidente rilevante (secondo le direttive Seveso) da 300 mila tonnellate annue. Nel 2013 l'Italia ha aderito alla convenzione mondiale di Minamata, un trattato internazionale legalmente vincolante. Siamo alla resa dei conti, al redde rationem. E' l'ora di chiamare ufficialmente dinanzi alla Commissione europea, al Consiglio d'Europa, al Parlamento Ue, alla Corte di giustizia Ue e alla Corte dei diritti dell'Uomo, lo Stato italiano e l'Eni ad un atto concreto di responsabilità, in ossequio alla Convenzione di Aarhus (chi inquina paga). Occorre una nuova etica tra giustizia sociale ed ecologia, per un progetto che abbia il rispetto della vita e la conservazione dell'ambiente, come parte fondamentale delle scelte economiche, politiche e sociali.
 

12.12.16

ENI E STATO ITALIANO: FINTE BONIFICHE!




di Gianni Lannes

Manfredonia è uno dei 16 siti italiani ricompresi dalla legge 426 del 1998 nelle aree a grave rischio ambientale, a causa dell'inquinamento industriale provocato dall'Eni. Il ministero dell'Ambiente con decreto del 10 gennaio 2000 ha perimetrato il territorio da disinquinare. A tutt'oggi, nonostante una montagna di denaro pubblico elargita alla Syndial, ovvero alla stessa Eni, la bonifica a Manfredonia è appena al 5 per cento sulla terraferma, e addirittura a zero negli 8,5 chilometri quadrati (853 ettari) nell'area marina prospiciente il petrolchimico. Nel 2008, peraltro, l'Ispra ha trovato in questo mare anche il mercurio. Il folle progetto dell'Energas/Kuwait Petroleum  (un gigantesco deposito di gas a petrolio liquefatto da 300 mila tonnellate annue di gpl) non potrà essere mai realizzato, anche perché insiste in una di queste aree contaminate, quella del porto alti fondali. In questi ultimi 16 anni, i sindaci Prencipe, Campo e Riccardi non hanno garantito il rispetto delle leggi a difesa dell'ambiente e della popolazione, alla stregua della regione Puglia, da Fitto a Vendola fino ad Emiliano, compresi tutti i governi tricolore.

ITALIA: PRESENTE E FUTURO!

di Gianni Lannes

In Italia i rifiuti si riciclano soltanto in politica. Che fare in un belpaese reso agonizzante da una casta di  politicanti  eterodiretti palesemente da interessi speculativi stranieri? Ma pensate davvero che chi ha provocato questa situazione disastrosa possa trovare e mettere in atto le soluzioni per il bene comune? Prima cosa: spazzare via i tutti i parassiti. La perdita più grave è quella delle intelligenze, costrette ad emigrare ancora più di un secolo e mezzo dopo l'annessione d'Italia targata Savoia. Da noi vige la morte per pena e la tortura non è reato. Allora, una prima prova è quella di riconquistare la sovranità perduta e lo Stato diritto, attraverso una nuova Costituente. Ma perché no? Coltivare il futuro nella propria terra. Puntiamo sui giovani e diamo vita ad ecosistemi dove le persone si incontrano per mettere a valore passioni e idee concrete. La prima rivoluzione è interiore: passare dal paradigma dell'economia all'etica. Sciopero generale ad oltranza ed obiezione fiscale a tappeto per cominciare.