31.5.15

FESTA ANGLOAMERICANA ALLA REPUBBLICA ITALIANA!





di Gianni Lannes

«L’unica cosa che mancherà all’Italia è una totale libertà politica»: parole di Winston Churchill al delegato di papa Pio XII, pronunciate nel novembre del 1945. Una profezia più che avverata ma imposta, poiché dai documenti desecretati di recente del governo inglese, rinvenuti negli archivi di Kew Gardens a Londra, si evince che «I nostri piani prevedono la conquista assoluta dell’Italia». Da quelle carte si comprende che ad ordire e mettere in pratica piani eversivi contro l’Italia non è solo Washington, ma soprattutto Londra che non vuol perdere il controllo delle rotte petrolifere nel Mediterraneo. I mafiosi Windsor al vertice della massoneria internazionale contrastavano la politica filoaraba di Mattei e Moro, fino a mettere in pratica la loro eliminazione violenta. In un altro documento del ministero dell’energia britannico datato 15 agosto 1962 si legge: «L’Eni sta diventando una crescente minaccia per gli interessi britannici».

Il saccheggio dell’Italia non è ancora terminato dopo oltre un settantennio di occupazione militare dello Stivale, isole incluse e ha compreso la privatizzazione della banca d’Italia nonché il trasferimento segreto negli Stati Uniti d’America e in Gran Bretagna della riserva aurea italiana (ben 2.400 tonnellate d’oro), non si sa bene a quale titolo se non il furto deliberato di due Stati stranieri. Per la cronaca: negli ultimi 6 anni, seppure interpellato in ambito parlamentare nessun governo italidiota ha fornito una risposta. Questa strategia terroristica ha manifestato il suo culmine nel 1992, quando furono eliminati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino con rispettive scorte di Polizia: due magistrati che avrebbero potuto intuire e risalire al torbido intreccio della criminalità multinazionale. Gli spostamenti di Falcone non erano noti a Cosa Nostra, che pure ha avuto un ruolo di manovalanza nella strage di Capaci, bensì ai servizi segreti. Il Sisde vi dice niente?



Atto finale: il controllo della protesta popolare attraverso la discesa in campo del movimento pentastelluto, a seguito dell’incontro segreto nel 2008, dell’evasore tombale Giuseppe Piero Grillo con l’ambasciatore statunitense a Roma. Nonostante il rapporto diplomatico al dipartimento di Stato sia stato desecretato nel 2012, a tutt’oggi, il padrone (da atto notarile) di m5s non ha ancora fornito delucidazioni a fans, adepti e curiosi, tantomeno all’opinione pubblica, nonostante le mie domande in materia all'interessato. 

30.5.15

NON VOTO, VADO AL MARE!

di Gianni Lannes

Nell'italietta delle banane a stelle e strisce governanti e militari tricolore giurano fedeltà - per modo di dire (sic!) - alla Costituzione repubblicana, ma poi prendono ordini da Washington, Londra e Tel Aviv. Nell'ex belpaese le consultazioni elettorali sono ormai una farsa, ratificata da milioni di pecoroni italidioti. In punta di diritto la nostra carta costituzionale è stata stracciata dal trattato di Lisbona entrato in vigore nel 2009, firmato da Prodi e D’Alema nel 2007. Perfino la Consulta e la Cassazione hanno sancito nel 2014 che la legge elettorale (una norma fondamentale) è incostituzionale, ossia fuorilegge, eppure non è decaduto il parlamento, né l’ennesimo governo eterodiretto dall’estero, né l’inquilino del quirinale. A che serve votare alle regionali? A ratificare l’esistenza di un regime mafioso, a mandare avanti la farsa generale che mantiene una pletora di parassiti che alimentano clientele con la movimentazione di finanziamenti pubblici. Il 99 per cento dei candidati corre per sedere su una poltrona e basta, gentaglia che non ha mai combattuto per il bene comune. C’è di tutto: arrivisti dell’ultim’ora, analfabeti conclamati, riciclati avariati, criminali in doppiopetto istituzionale, ecomafiosi del piddì, pedofili di forza italia, grullini e grulloni in salsa casaloggia.

ADRIATICO: RAPINA DI IDROCARBURI E TERREMOTI ARTIFICIALI



di Gianni Lannes


Quando non bastano gli attentati quotidiani della NATO alla salute e alla sicurezza dei popoli europei, vanno in onda nei mari italiani le rapine legalizzate di gas e petrolio, autorizzate dai governi tricolore, in barba al buon senso ecologico. Due terremoti di origine artificiale, fotocopia uno dell’altro, ossia con identico ipocentro ad appena 10 chilometri di profondità, in aree adriatiche dove imperversano le trivelle a tutto spiano.




29.5.15

FARSA ELETTORALE? ALLORA SCIOPERO GENERALE!



di Gianni Lannes




La volete più grossa? Uno, Renzi, imposto dall'abusivo Napolitano, ma non votato dal popolo sovrano. Alla voce "norme elettorali incostituzionali": così ha sancito la Consulta con la sentenza numero 1 del gennaio 2014, ma nessuno ci ha fatto seriamente caso, e, dunque, non c’è stata alcuna conseguenza legale su Quirinale, Palazzo Chigi, Montecitorio e dintorni. Mattarella, illustri quest'anomalia al "popolo sovrano": come si fa a bocciare da giudice costituzionale il porcellum e poi da inquilino quirinalizio a firmare la peggio porcata dell'italicum? Il 99 per cento corre per la poltrona e le prebende. Rossi, neri, bianchi, rosa, gialli: non c'è alcuna differenza perché sono tutti accomunati dal trasversalismo affaristico. Ex sindaci di Forza Italia alleati del Pd. Ex sindaci del Pd in lista con Forza Italia. Basta per sempre ad una casta - di papponi e lacché - che ingurgita finanziamenti pubblici a più non posso, e detta  legge per mantenere a galla un'oligarchia eterodiretta dall'estero. 

Allora si vota in 746 comuni e 7 regioni. Ma attenzione, il risultato è già noto, ossia scontato: in Puglia, ad esempio - e lo sottolineo con tre giorni di anticipo sulla conoscenza pubblica dell'esito elettorale - il sostituto di Vendola a capo della regione, sarà Michele Emiliano (mister ostriche & champagne), che ha imbarcato di tutto e di più, perfino famigerati ecomafiosi (dai realizzatori di inceneritori di rifiuti agli inquinatori dell’Ilva, ai cementificatori del territorio, a personaggi sotto processo e/o denunciati per gravi delitti ambientali) pur di assicurarsi il pieno delle poltrone istituzionali più care d’Italia, pagate ovviamente da quei fessi degli italidioti. Dico io: vuoi fare il politicante? Bene, quantomeno dimettiti dalla magistratura; invece no: un piede in due scarpe. E i risultati nazionali? Fallimentari in tutto lo Stivale, isole incluse. Vuoi fare il parassita politico? Stipendio base per tutti gli onorevoli locali e nazionali di mille euro netti. L’etica non si predica, ma si pratica, quando la politica è veramente la realizzazione del bene comune.

27.5.15

I SOLDATI FRANCESI ABUSANO DI BAMBINI NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA

Secondo un rapporto consegnato alle autorità francesi da un funzionario delle Nazioni Unite, l’esercito francese ha commesso abusi contro minori tra dicembre 2013 e giugno 2014, in un centro per sfollati nell’aeroporto di M’Poko, nella capitale Bangui. Le Nazioni Unite erano a conoscenza degli abusi sui minori nella Repubblica Centrafricana. Per mesi gli alti funzionari per i diritti umani delle Nazioni Unite sono stati a conoscenza delle accuse di abusi sessuali su minori da parte dei soldati francesi in Repubblica Centrafricana. Ma non hanno approfondito il caso…


fonte:


24.5.15

GRANDE GUERRA: MACELLERIA MONDIALE DEL CAPITALISMO


Il pensiero unico nella colonia tricolore. Sotto regime a stelle e strisce: manipolazione veicolata dalla propaganda. Ecco la regressione dei tempi correnti mandata in onda a reti unificate. L’Italia invece di progredire arretra sempre più. Ultime notizie ufficiali, o meglio veline istituzionali: siamo alla palese esaltazione governativa della guerra. Una carneficina spacciata addirittura per lotta di indipendenza: oltre 37 milioni di vittime, contando più di 16 milioni di morti e più di 20 milioni di feriti e mutilati, sia militari che civili. Adesso, il governatore telecomandato di palazzo chigi, ti dice cosa pensare e riscrive la storia sotto dettatura straniera.

“Grande guerra : il XXIV MAGGIO un minuto di silenzio e di raccoglimento alle ore 15. Colpi a salve in 24 città alla stessa ora, lo ha deciso il Governo. Domenica minuto di silenzio sui campi e nella Serie A maglie con la scritta ‘Ricorda’".

A parte il film UOMINI CONTRO di Rosi, ecco un antidoto del poeta Trilussa


LA NINNA NANNA DE LA GUERRA
(1914)

Ninna nanna, nanna ninna,
er pupetto vò la zinna:
dormi, dormi, cocco bello,
sennò chiamo Farfarello
Farfarello e Gujermone
che se mette a pecorone,
Gujermone e Ceccopeppe
che se regge co le zeppe,
co le zeppe d'un impero
mezzo giallo e mezzo nero.

SCIE BELLICHE: COME PROVOCARE LA PIOGGIA E LAVARE IL CERVELLO AI BAMBINI!





Immagini tratte dall'enciclopedia

"I QUINDICI" i libri del come e del perché, volume 6 (il Mondo e lo Spazio), pagine 42-43. Si tratta di un'operazione editoriale del Pentagono e del dipartimento UNITED STATES OF AMERICA, destinata alla colonia tricolore. Della serie: addomesticare le menti italiane fin dalla più tenera età. Ovviamente, in seguito le tecniche belliche di guerra ambientale sono state perfezionate grazie anche al contributo degli scientisti assoldati, foraggiati ed intruppati fino ai giorni nostri (alla voce NATO: "Agard"). Sveglia cavie italidiote: lo zio Sam ha imprigionato il respiro degli europei in una gigantesca camera a gas.



21.5.15

CHI E' DIO?




Dio esiste? Vi sono molti credenti monoteisti - cristiani, mussulmani, ebrei - i quali appunto credono che Dio esista solo perché l'hanno letto in qualche libro cosiddetto “sacro” o perché glielo hanno insegnato sin da quando erano bambini. Così loro non hanno dubbi che la Bibbia, il Corano o la Torah, sia indiscutibilmente “la parola di Dio”, e che quindi il dio lì descritto, con tutte le sue contraddizioni e le sue assurdità debba esistere realmente.

D'altro canto vi sono poi una minoranza di atei, i quali, al contrario, sono assolutamente certi che Dio non esista. Alcuni di questi si spingono addirittura a pretendere di dimostrare l'inesistenza di Dio con argomenti pseudoscientifici o pseudologici, sostenendo che date le incoerenze dei testi cosiddetti “sacri” allora nessun dio possa esistere (come se l'unico dio possibile sia appunto quello antropomorfo descritto in tali testi), oppure che dato che la scienza permette di misurare le cose materiali allora debba necessariamente poter misurare anche il Creatore, ma non si rendono neanche conto dell'erroneità di base dei loro ragionamenti.

Almeno gli agnostici, cioè coloro che dicono: “Non diciamo nulla, perché non possiamo saperlo” fanno una figura decisamente migliore.

Vi sono un'infinità di cose che gli strumenti scientifici non possono misurare o rilevare, come ad esempio i sentimenti, l'amore, i pensieri, i desideri, le passioni, gli stati d'animo, eppure tutti sanno che esistono perché le sentono, le vedono anche se nessuno strumento scientifico è capace di farlo. Chi sostenesse che sono illusioni solo perché non sono rilevabili o spiegabili scientificamente si coprirebbe di ridicolo. Non è molto differente da chi pretende di mettere Dio sotto il microscopio o di volerlo spiegare con le leggi della fisica.

20.5.15

SCIE BELLICHE: NE PARLANO I MASS MEDIA E LA CONVENZIONE INTERNAZIONALE ENMOD!



Italia: irrorazione tossica NATO



di Gianni Lannes

Non bastava l’inquinamento industriale che devasta aria, acqua e terra. La NATO dal 2002 manda in onda dentro il respiro sempre più rantoloso dei popoli europei, anche la contaminazione bellica, mediante irrorazioni mirate di sostanze tossiche sparse nell’aria.  

Il 9 novembre 2009 il quotidiano Il Sole 24 ore pubblica gli articoli “Padroni del tempo e del clima”, nonché “Il sogno di un risiko a colpi di uragano”. E così di seguito i giornali La Repubblica, L’Espresso, La Stampa, Il Corriere della Sera, The Guardian. Dai predetti articoli si evince che non è vero che nessun aereo ha mai rilasciato scie diverse dalle semplici scie di condensazione; numerosi velivoli hanno sorvolato i cieli manipolando il clima; che dal 1955 al 1963 degli aerei militari della Raf hanno sorvolato in lungo e in largo l'Inghilterra spargendo veleni nell'aria per studiarne gli effetti; che «se c'è un complotto è quello della comunità scientifica» parole di Renzo Rosso professore ordinario di Idrologia al Politecnico di Milano (La Stampa).


19.5.15

L’EXTRATERRESTRE SALVINI: “TERRONI DI MERDA”





di Gianni Lannes

Salvini sui campi rom: «Li raderei tutti al suolo». Cosa si edifica con l’odio becero e ignorante, urlato a reti televisive unificate un giorno sì e l’altro pure? Perché uno così viene pompato dai mass media? La ricetta del partito di Salvini è prevalentemente l’odio, con aggiunta di un frutto misto di ovvietà.

Si odiano i meridionali, si odiano gli extracomunitari, si odiano gli zingari, si odiano i profughi morti in mare, si odiano i diversi, si odiano i non omologati, si odiano i poveri, si odiano gli indifesi, si odia il tricolore: con questa bandiera per cui tanti italiani sono morti, il ministro per le cosiddette riforme Umberto  Bossi voleva pulirsi il fondoschiena. Insomma, una spirale insidiosa da bonificare con atti di generosa umanità, educazione, pedagogia e cultura.

17.5.15

INCENERITORE DI RIFIUTI E FABBRICA DI ECOBALLE: DENUNCIATI FITTO, VENDOLA, PAOLO CAMPO, I MARCEGAGLIA E ALTRI...


Vendola & Fitto


Marcegaglia & Vendola

di Gianni Lannes

Una cosa è certa: il danno ambientale e sanitario, nonché la truffa ai danni dello Stato e dell'Unione europea. Ma da parte di chi? Antonio Marcegaglia detta le regole, Campo e Fitto eseguono l'accordo di programma e la variante urbanistica fuorilegge. Per l'attentato alla salute pubblica non c'è prescrizione, si tratta di strage continuata e non dichiarata.

pagina 1 della lettera inviata da Antonio Marcegaglia al sindaco Paolo Campo
 
Nichi Vendola, Raffaele Fitto, Antonio ed Emma Marcegaglia, Paolo Campo ed altri, incluso il prefetto in pensione Nunziante, candicato alle regionali con Emiliano, nonché il sindaco uscente di Manfredonia Ricciardi, sono stati denunciati con dovizia di prove alla Procura della Repubblica di Foggia per l'inceneritore di rifiuti e la fabbrica di ecoballe. Indaga la Guardia di Finanza. Si tratta di impianti realizzati con una valanga di denaro pubblico, grazie appunto a Paolo Campo, all'epoca dei fatti sindaco di Manfredonia, nonché Fitto in veste di presidente della regione Puglia. 

16.5.15

SOGEI: SOTTO IL GRANDE FRATELLO NATO





di Gianni Lannes


La popolazione italiana è ormai prigioniera di un regime totalitario dove la legalità è solo un’apparenza, un guscio che nasconde la cancrena istituzionale, ovvero la perdita della libertà. Chi controlla questo controllore che detiene ben 300 banche dati con informazioni sensibili sulla popolazione italiana, nel cuore dello Stato tricolore? La tessera sanitaria è l'ultimo ritrovato che contiene due codici elaborati dal Pentagono. 



Non solo tartassano cittadine e cittadini senza averne alcun diritto, ma hanno schedato occultamente ogni vita. Peggio di una dittatura, perché in fondo lucrano sull'azzardo di stampo mafioso. Alla fine, dietro a tutti, e soprattutto c''è l'ombra North Atlantic Treaty Organization, ovvero del complesso militar-industriale di Washington, Londra e Tel Aviv. Per la cronaca: lo Stato italiano, addirittura, in un impeto di trasparenza e generosità internazionale, ha fornito al Mossad, anche la lista completa degli agenti dei servizi di sicurezza italiani (Aise e Aisi). Non è forse anche questo un attentato alla sicurezza e alla sovranità della Repubblica italiana?



Soltanto nelle ultime due legislature (XVI-XVII) giacciono ben 48 atti parlamentari senza risposta governativa sul conto della Sogei. Perché mister Renzi? Cosa nasconde questo silenzio ostinato che perdura da lustri e decenni? 

15.5.15

SCHIAVI IERI E OGGI!

Tavoliere di Puglia: braccianti rumeni - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)


di Gianni Lannes



Lo sfruttamento a sangue degli umani permane, senza pietà. Adesso, ora, mentre scrivo, basta aggirarsi nel Tavoliere di Puglia per rendersene conto di persona. I moderni schiavi arrivano soprattutto dall’Africa e dall’Europa dell’Est. E in questo terzo mondo dell'Europa, approdano anche tanti bambini, di cui si perdono sempre le tracce. Gli uomini a crepare di fatica disumana nei campi, le donne sovente minorenni a sbattersi sotto magnaccia sulle strade pubbliche, sotto lo sguardo distratto delle forze dell’ordine. 

COUNCIL FOREIGN RELATIONS: I GUARDIANI DEL MONDO


di Gianni Lannes




«Esiste un governo ombra dotato di una propria forza aerea e navale, di un proprio sistema di autofinanziamento, capace di manipolare l'opinione pubblica e di perseguire i propri ideali di interesse nazionale, privo da ogni forma di controllo e non sottoposto al rispetto della legge stessa»: parola di Daniel Inouye, senatore degli Stati Uniti d’America.

Dal Bilderberg Group alla Tavola Rotonda, al Britains’ Royal Institute of International Affairs, alla Trilateral Commission, al Council on Foreign Relations (Consiglio delle relazioni estere). Dietro non c’è re Artù e neanche i suoi cavalieri, quanto piuttosto dei terroristi altolocati. Esatto, i clan mafiosi Rockefeller e Rothschild padroni di banche e multinazionali, che usano i governi a loro piacimento.

14.5.15

SOGEI: CHI CONTROLLA I CONTROLLORI?


di Gianni Lannes

Basta cliccare sul motore di ricerca del Parlamento il termine della società statale "Sogei" per rendersi conto che i governi Berlusconi, Monti, Letta & Renzi non hanno risposto agli atti parlamentari (interpellanze e interrogazioni). Perché? Chi controlla i controllori? Perché i privati concessionari del gioco d'azzardo non hanno sborsato i 98 miliardi di euro dovuti al Fisco? Agenzia delle Entrate, Equitalia e Sogei quali interessi tutelano? Perché la Sogei detiene i dati sensibili della popolazione italiana, a cui hanno accesso servizi di sicurezza stranieri cone Cia, Mossad, Eurogendor?



SOGEI SPA: IL GRANDE FRATELLO D’AZZARDO!





di Gianni Lannes

Vuoi farti un poker online? Chiama la Sogei, la più grande banca dati sugli italidioti. La tua tessera sanitaria che contiene codici militari elaborati dal Pentagono si è smagnetizzata? Rivolgiti alla Sogei. Le concessionarie del gioco d’azzardo alla voce tasse non hanno pagato ben 98 miliardi di euro allo Stato, ma non sono stati perseguitati da Equitalia? Per tutto questo e tanto altro ancora c’è sempre la Sogei. E’ la società informatica controllata dal Ministero dell'economia e delle finanze che offre servizi tecnologici in regime di monopolio alle agenzie fiscali. Fondata nel 1976, passata da Telecom al Ministero dell'economia e delle finanze nel luglio 2002, Sogei gestisce l'anagrafe tributaria, monitora la spesa sanitaria, realizza i software per l'Agenzia delle entrate, delle dogane, del demanio e del territorio, sovrintende i codici fiscali alle tessere sanitarie di tutti gli italiani e, soprattutto, amministra il sistema e le informazioni per conto dell'ex AAMS, ora incorporata nell'Agenzia delle dogane e dei monopoli (ADM).

STRATEGIE DELLA MENZOGNA

Italia: irrorazione quotidiana di acqua di colonia modello NATO 




di Gianni Lannes

Nella teoria dell'argomentazione si chiama "avvelenamento del pozzo" la procedura di delegittimazione che investe tutto ciò che una persona afferma (Argumentum ad hominem). E' solo una delle innumerevoli forme di fallacia, ossia di mossa argomentativa corretta solo in apparenza che occulta l'erroneità logica dei negazionisti prezzolati e non, allo scopo di ingannare le persone.


La fabbrica militare del falso: il  vero scoop è oggi dire la verità. La menzogna è la protagonista assoluta delle chiacchiere pubbliche contemporanee. Il suo ruolo è emerso prepotentemente in occasione della guerra ambientale e non convenzionale in atto. Una volta le verità indicibili del potere erano coperte dal segreto. Oggi il silenzio e il segreto sono armi spuntate, che qualche raro giornalista investigativo può però svelare. Perciò la verità inconfessabile deve essere occultata o neutralizzata in altro modo. Quindi si propinano all’opinione pubblica versioni di comodo dei fatti, cioè mere opinioni e così si distrae l’attenzione generale. Ma prima di tutto si inquina l’argomento, etichettandolo come folle o “complottista”. L’immagine rinvia evidentemente alla situazione in cui un minimo quantitativo di veleno, gettato in un pozzo, riesce ad uccidere un’intera comunità: l’avvelenatore compie una sola azione, ma gli effetti sono disastrosi. 

Italia: irrorazione quotidiana di acqua di colonia modello NATO


Etichettando a livello sociale come “folle” l’argomento delle scie chimiche, si emargina, si negativizza e si liquida un fatto drammatico accertabile da chiunque alzando semplicemente lo sguardo al cielo. Non a caso mister Renzi alla Rai (trasmissione Ballarò) ha minacciato di trattamento sanitario obbligatorio gli iscritti del piddì che osano parlare di scie chimiche. Uno così, oggettivamente piazzato dal Napolitano ma non votato dal popolo sovrano, al massimo potrebbe aspirare ad amministrare un minuscolo condominio sulla Luna. Invece, detta legge per conto straniero al gregge dei pecoroni italidioti.