28.12.15

PREMIATA VIVISEZIONE DI MINORI IN EUROPA: A RUBA I BAMBINI IN ITALIA!

di Gianni Lannes


Ecco l'orrore sotto i nostri occhi dormienti. E' ormai l'eldorado alla luce del sole della tratta di bambini, specialmente quelli migranti non accompagnati da anima viva, e che nessuno reclama. Il baricentro criminale si è spostato dalla Turchia allo Stivale tricolore. Attualmente la rotta mediterranea del traffico d' organi umani porta nel belpaese per rifornire il vecchio continente, Israele inclusa. Non è una leggenda metropolitana, questo commercio criminale esiste, anzi è tollerato da governi e istituzioni, alimentato dalle multinazionali del crimine impunito, grazie all'assordante omertà dei medici e delle loro associazioni di categoria. Non a caso nessun Paese aderente all’Unione europea ha ancora ratificato la Convenzione del Consiglio d'Europa contro la tratta degli organi umani. Per legge occorrono almeno 5 ratifiche inclusi almeno 3 Stati membri del Consiglio d'Europa, non basta una firma, ma a tutt’oggi, l’atto è stato sottoscritto - soltanto per salvare le apparenze e senza alcun impegno giuridico - dalle seguenti nazioni: Albania, Austria, Belgio, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Moldavia, Norvegia, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Spagna e Turchia. Non hanno firmato la Convenzione: Bosnia e Erzegovina, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Georgia, Germania, Islanda, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Malta, Monaco, Montenegro, Paesi Bassi, Repubblica Slovacca, Romania, San Marino, Serbia, Slovenia, Svezia, Svizzera, Ucraina e Ungheria. La Russia ha firmato il 24 settembre 2015, mentre non hanno aderito USA, Vaticano, Canada, Messico (Stati non membri che godono dello status di osservatore presso il Consiglio d'Europa, e da altri Stati non membri).

16.12.15

ITALIA: L’INFERNO DEGLI ANGELI






di Gianni Lannes

La terra danza nel cielo come un giardino tra le stelle, un oceano blu punteggiato da continenti verdi e infiniti deserti. Gaia è abitata da meraviglie di tutti i colori, meraviglie a decine e centinaia di milioni: i bambini. Eppure, ogni giorno - secondo le stime dettagliate dell’Onu - muoiono ancora 18 mila bambini e 4 milioni ogni anno risultano schiavizzati per un giro d'affari di miliardi di dollari, nonostante la Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia sia stata approvata da gran parte delle nazioni nel 1989, ma non ratificata dal Congresso degli Stati Uniti d’America. L’Italia, invece, l’ha fatta propria sul piano giuridico con l’approvazione all’unanimità del Parlamento nel 1991 (legge 27 maggio, numero 176). 


2.12.15

ITALIA: DUEMILA SCUOLE PUBBLICHE IMBOTTITE DI AMIANTO




 di Gianni Lannes

In Italia ci sono 2.000 scuole «che espongono i loro 342.000 alunni e studenti al rischio amianto». Lo attesta il Censis, in un rapporto pubblicato il 31 maggio 2014, anzi  ribadisce il pericolo, perché la situazione è nota da decenni alle autorità di ogni ordine e grado. Il governo Renzi, a parte le promesse altisonanti a reti televisive unificate, non ha avviato alcuna bonifica, in compenso ha sperperato ben 30 miliardi di euro in spese militari nel 2014, sottraendo denaro pubblico alla scuola. L’amianto è notoriamente cancerogeno, infatti, è stato messo al bando nel Belpaese nel 1992, con la legge 257. Eppure i piani di risanamento nazionale risultano ancora irrealizzati. I tempi di latenza dell’asbestosi sono lunghi, ma basta una sniffata inconsapevole per ammalarsi e poi morire prematuramente. I più inconsapevolmente esposti, proprio negli ambiti scolastici, sono bambini e adolescenti, ed ovviamente insegnanti e personale tecnico. Perché nessuno protesta seriamente? Perché i sindacati tacciono e i dirigenti scolastici fanno finta di niente?


30.11.15

LA BICICLETTA: UTILE E DILETTEVOLE

E' il mezzo meno costoso e il più vantaggioso. Usando la bicicletta non c'è spreco né consumo, tantomeno disturbi qualcuno. Poi si risolve il problema della circolazione e si evita qualche contravvenzione. E' bello pedalare e girare, significa subito arrivare e senza inquinare. Grazie mia cara bici, tu sei veramente la mia utilitaria, perché mi fai risparmiare e prendere aria. La bicicletta è pratica e maneggevole, è il caso di dirlo, è utile e dilettevole. Detto questo, cari amici, donne, ragazzi e bambini, usiamo la bicicletta perché i vantaggi sono tali e tanti, a favorire proprio tutti quanti. Andare in bici è magnifico, fa bene alla salute e al fisico. Perciò non disperate, e quella odiosa tassa di Renzi non la pagate.

29.11.15

NAPOLI: TERREMOTO A PROFONDITA' ZERO!



di Gianni Lannes

Ancora una scossa sismica con ipocentro zero, mentre la NATO intensifica l'irrorazione chimica del territorio europeo. Alluminio e bario aerodispersi a profusione giorno e notte rendono l'aria maggiormente elettroconduttiva, in modo da consentire ai riscaldatori ionosferici di colpire con onde Elf le faglie sismiche. L'Italia è una colonia perfetta, dove la sismicità naturale maschera quella indotta artificialmente. Il resto del copione è affidato agli scientisti italidioti, già cooptati dalla Nato nei corsi di formazione. Ecco il rapporto dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia:

"Un terremoto di magnitudo Md 2.1 è avvenuto nella provincia/zona Napoli il
  • 27-11-2015 22:17:22 (UTC) un giorno fa
  • 27-11-2015 23:17:22 (UTC +01:00) ora italiana
con coordinate geografiche (lat, lon) 40.83, 14.42 ad una profondità di 0 km.
Il terremoto è stato localizzato da: Sala Operativa INGV-OV (Napoli)".



 riferimenti:

Gianni Lannes, TERRA MUTA, Pellegrini editore, Cosenza, 2013.

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=terremoti

NON C'E' PIU' IL FUTURO DI UNA VOLTA!

Parigi: irrorazioni Nato



di Gianni Lannes

 
Tanti sanno che il clima è influenzato, anzi determinato dal sole. Pochi sanno però, che lo stesso clima può essere modificato sul pianeta Terra, per via elettromagnetica dalla mano armata dell’uomo. Già nel 1943 il governo di Washington, aveva elaborato il memorandum Groves e conduceva positivamente esperimenti per provocare tsunami e terremoti. 

 
La manipolazione del clima è un’arma per il dominio del mondo, vietata, almeno sulla carta dalla convenzione internazionale Enmod dell’Onu, entrata in vigore nel 1978.
Che singolare coincidenza: proprio a Parigi, sotto il naso dei più efficienti servizi di sicurezza del mondo, i soliti terroristi realizzano una strage di civili, esattamente dove andrà in onda dal 30 novembre all’11 dicembre 2015 la XXI Conferenza delle Parti (COP 21) della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC).  L'obiettivo ufficiale della conferenza è quello di concludere, per la prima volta in oltre 20 anni di mediazione da parte delle Nazioni Unite, un accordo vincolante e universale sul clima, accettato da tutte le nazioni. In realtà, Gaia non si sta surriscaldando. Attenzione alla manipolazione in atto dell'opinione pubblica: la paura su scala planetaria uccide o paralizza più di qualsiasi guerra. E' un'arma di controllo delle masse, indotte adesso a marciare dai soliti pifferai tinteggiati di verde, sotto l'unica parola d'ordine dell'inesistente "surriscaldamento globale".

CECITA’


Parigi: aerosolchemioterapia bellica Nato!


 
di Josè Saramago*

«Perché siamo diventati ciechi. Non lo so, forse un giorno si arriverà a conoscere la ragione. Vuoi che ti dica cosa penso. Parla. Secondo me non siamo diventati ciechi, secondo me lo siamo. Ciechi che vedono. Ciechi che pur vedendo, non vedono».

*Ensajo sobre a ceguera, Editorial Caminho, SA, Lisboa, 1995,
Cecità, Feltrinelli, Milano, 2010.

26.11.15

UNA SUPERSTRADA ECOMAFIOSA PER DISTRUGGERE IL GARGANO

Gragano - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)
 
di Gianni Lannes

E' un'area protetta solo sulla carta, insomma un parco nazionale tartassato da speculatori, galoppini e portaborse. Con il pretesto della valorizzazione turistica, e non appagati degli scempi già realizzati e impuniti, i bonificatori della natura (autoctoni avariati e non) pretendono ancora cemento armato e asfalto per annientare il cuore della montagna del Sole. Invece di salvaguardare un territorio così unico e fragile, in un unico coro affaristico, i soliti noti (Ente Parco, Provincia di Foggia, Confcommercio, Confindustria, Confesercenti, Confartigianato, Cna, Casartigiani, Compagnia delle opere, nonché i comuni di Vieste, Peschici e Vico), chiedono adesso alla regione Puglia, addirittura la realizzazione della strada a scorrimento veloce da Vico del Gargano a Mattinatella. Un inutile, miope, quanto deleterio progetto già arrestato negli anni '90, da inserire ora nel cosiddetto "masterplan per il Sud", che consentirà - se compiuto - di annientare i boschi, le colline e le valli scampate agli incendi dolosi, e alla speculazione edilizia più smaccata, favorita proprio dalle istituzioni. Cari garganici, questa gentaglia va esiliata per sempre dal consesso civile. Non è bastato lo scempio cementizio del clan Zanasi a Mattinata, realizzato con denaro pubblico (fondi del contratto d'area di Manfredonia).

riferimenti:

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2014/01/laltro-gargano-visioni-di-gianni-lannes.html 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=ferri 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=GARGANO 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=zanasi 

25.11.15

ORFANOTROFI MINORI: AFFARE DA 3 MILIARDI DI EURO ALL’ANNO




di Gianni Lannes

Della serie: infanzia violata impunemente dalle autorità. Chi lucra sulla pelle di migliaia di bambini e adolescenti? Tanti, troppi pargoli sottratti senza motivo a madre e padre naturali, tolti forzatamente alle famiglie d'origine. Per caso taluni assistenti sociali, magistrati e prenditori del sociale mietono affari comuni? Il garante per l’infanzia e l’adolescenza Vincenzo Spatafora dà i numeri: in Italia sono ventimila i minori ospiti di strutture per l’accoglienza temporanea (Famiglia Cristiana, numero 46/2015). In realtà, la permanenza è definitiva. Le strutture (orfanotrofi su scala ridotta) che recludono i minori sono 3.192 (dati al 31dicembre 2014). I prigionieri con meno di 18 anni sono 19.425: 57 su 100 sono italiani, 43 su 100 sono “stranieri”, di cui metà non accompagnati, in ragazzi sono più delle ragazze (66 per cento contro 34 per cento), la fascia d’età più numerosa, 57 per cento, sta tra i 14 e i 17 anni, degli altri il 15 per cento ha meno di 6 anni, il 14 per cento è tra i 6 e i 10 anni, un altro 14 per cento tra gli 11 e i 13 anni. Il 59 per cento si trova al centronord, il 41 per cento tra sud e isole. 

Al 31 ottobre 2015, in base all’ultimo rapporto del ministero del lavoro e delle politiche sociali, sono spariti nel nulla, ossia risultano irreperibili ben 5.707 minori giunti in Italia non accompagnati e sbattuti nelle strutture di "accoglienza" soprattutto di Sicilia, Puglia, Calabria e Marche. Dove sono andati a finire? Il governo Renzi ne deve rendere conto. L'inquilino del Quirinale, Mattarella, deve intervenire risolutivamente. In un Paese civile, questo drammatico problema dovrebbe essere in cima alle preoccupazioni politiche, sociali e religiose, invece, l’esecutivo Renzi se ne infischia, tant’è che neanche risponde agli atti parlamentari, la gente ignora il fenomeno e le crasse sfere del Vaticano coprono certi crimini, come sempre. E i mass media telecomandati, quando si tratta di tabù del potere, non vedono, non sentono e non parlano.

22.11.15

DOMANDE A RENZI CHE NON AVRANNO RISPOSTA!



di Gianni Lannes


     1) Quando e come ha conosciuto il piduista Silvio Berlusconi? In quali circostanze e presentato da chi? Per quali motivi il legame in atto con Berlusconi è così forte da stringere un’alleanza con il patto del nazareno? Cosa prevede realmente quell’accordo sulla pelle del popolo italiano?
  
2) Come ha contribuito alla sua ascesa politica Denis Verdini. Da lui ha ricevuto aiuti, e di quale genere?

3) Chi le ha elargito un milione di euro tra il 2007 e il 2011?

4) Perché i rendiconti delle sue associazioni Link e Festina non sono trasparenti? Complessivamente per le primarie nel 2012 e poi nel 2013 ha speso più o meno di 2 milioni di euro con le sue fondazioni Big bang e Open. Chi le ha dato i soldi?

5) Perché non risponde agli atti parlamentari sulla pedofilia? Ha mai partecipato ad eventi pubblici assieme al pluricondannato per gravi reati contro i minori Rodolfo Fiesoli, violentatore del Forteto?

6) Per quale ragione ha minacciato in tv (in una trasmissione Rai, e dunque del servizio pubblico) di trattamento sanitario obbligatorio i tesserati del piddì che oseranno parlare pubblicamente di scie chimiche?

7) Lo Stato italiano quanto denaro pubblico ha dilapidato nel 2014 per le spese militari? Più o meno di 30 miliardi di euro? 

8) Perché non risponde agli atti parlamentari (interrogazioni, interpellanze, eccetera) sul grave stato di inquinamento ambientale (chimico e nucleare) in cui versa l’Italia e sulle conseguenze sanitarie a danno dell'ignara popolazione? 

9) Come mai il terrorista Michael Ledeen, agente della Central Intelligence Agency, già cacciato dall’Italia in passato, è il suo consulente internazionale?

10) Negli Stati Uniti d’America lei è stato ospite del Council Foreign Relations, per affiliarsi ad una potente e segreta loggia massonica d’oltre oceano?


post scriptum 

In uno Stato di diritto i quesiti indirizzati a chi "governa" sono fondamentali, ed altrettanto eloquenti le mancate risposte. Renzi: imposto dall'abusivo inquilino del Quirinale (Napolitano) ma non votato dal popolo sovrano (sulla carta).

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2015/11/grazie-renzi-litalia-vende-armi-al.html 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2015/11/renzi-protegge-chi-annienta-i-bambini.html 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2015/03/lo-spione-fascista-leeden-ministro.html 

20.11.15

ITALIA: GIOVANI A PERDERE?

di Gianni Lannes



Incombe la stagione del disamore sociale. Infelici, senza prospettive né certezze. A loro è negata anche la possibilità di sognare il futuro per costruire l’avvenire. Nel belpaese le cittadine e i cittadini tra i 19 e i 35 anni sono complessivamente 12 milioni. Come sopravvivono, cosa fanno, come si mantengono economicamente? I dati ufficiali (a partire dall’Istat) parlano chiaro: la maggioranza è inoccupata, sottopagata e sottoimpiegata, soprattutto ricattabile. Perché i giovani italiani del nuovo millennio sono un esercito di sbandati, sballati da smartphone, senza armi né tutele, senza santi in paradiso, sprovvisti in gran parte dell’etica, disorientati dal consumo di merci. Oggetti essi stessi nel rapportarsi agli altri. Insomma, esseri umani appena affacciati alla vita che al massimo pensano di andare a vivere all’estero.

19.11.15

MISSIONI DI GUERRA: APPROVATE DAL PARLAMENTO ITALIANO

 di Gianni Lannes

Mentre le industrie belliche italiane esportano sempre più armi nelle aree di guerra (terzo mondo), ormai  senza più alcun controllo parlamentare e le relazioni governative appaiono  imbottite di buchi neri, il Parlamento degli onorevoli abusivi (legge elettorale 270/2005 incostituzionale), ha

"Approvato il decreto di proroga delle missioni internazionali L'Aula ha approvato il disegno di legge di conversione in legge del decreto-legge 30 ottobre 2015, n. 174, recante proroga delle missioni internazionali delle Forze armate e di polizia, iniziative di cooperazione allo sviluppo e sostegno ai processi di ricostruzione e partecipazione alle iniziative delle organizzazioni internazionali per il consolidamento dei processi di pace e di stabilizzazione (C. 3393-A). Il provvedimento passa ora all'esame del Senato".

Per la cronaca documentata (stima Sipri): l'Italia ha dilapidato nel 2014 ben 30 miliardi di euro in spese militari, sottraendo risorse finanziarie vitali alla sanità pubblica, all'istruzione e alla protezione del patrimonio ambientale e storico.

riferimenti:




SALENTO: VIA GLI ULIVI PER FAR POSTO AL GASDOTTO DELL'EUROPA!



di Gianni Lannes


Abuso di potere delle autorità comunitarie, nazionali e regionali  per garantire un’operazione speculativa ecomafiosa dell’Ue. A tutt'oggi agli atti ufficiali, non c'è una prova scientifica della presenza della cosiddetta "Xylella fastidiosa": un piano affaristico decollato nell'ottobre 2010 da un convegno internazionale a Bari. Per aggirare la legge a protezione degli alberi plurisecolari, emblema del Mediterraneo, non potevano inventare di meglio.  



Attualmente sono 1.600 le eradicazioni di ulivi già effettuate, di cui 1.100 nel brindisino, dove vige la regola dell'abbattimento anche delle piante sane, nel raggio di 100 metri da quelle "infette", e 435 nel leccese. Per adesso il piano Silletti bis prevede il passaggio delle ruspe su 4.600 alberi d'ulivo, per consentire la realizzazione di un metanodotto che dall'estero che rifornirà soprattutto Belgio e Germania.

17.11.15

I MASSACRI IMPUNITI DI PARIGI





di Gianni Lannes


Per non dimenticare, mai. Il 17 ottobre 1961 più di 150 algerini, uomini, donne e bambini che manifestavano pacificamente a Parigi, furono assassinati dalla polizia e gettati nella Senna. Dopo 54 anni di menzogne lo stato francese non ha ancora ammesso le sue responsabilità.

QUANDO L’ITALIA BOMBARDO’ LA JUGOSLAVIA NEL 1999




di Gianni Lannes

Allora, io c'ero in prima linea, e ci sono ancora. Per non dimenticare quando l'italietta violò impunemente il diritto internazionale ed attaccò un paese sovrano, a noi non ostile. I criminali governativi europei (incluso Massimo D’Alema, all’epoca primo ministro) e di Washington non sono ancora stati puniti. L’intervento militare non era autorizzato dalle Nazioni Unite. Alle missioni di guerra, in violazione dell’articolo 11 della Costituzione repubblicana, parteciparono Amx e Tornado tricolori dell’aeronautica militare italiana. L'Us Air Force usò migliaia di proiettili all'uranio impoverito e le conseguenze sanitarie si pagano ancora oggi, mentre le bombe radioattive non utilizzate sono state scaricate nel mar Adriatico e mai recuperate.

CIA: QUANDO LA REALTA' UCCIDE LA FANTASIA!



di Gianni Lannes

Ecco a voi, una serie di documenti ufficiali United States of America, declassificati a babbo morto. Buona lettura!


14.11.15

PARIGI: STRAGE DI STATO E CONTROLLO DI MASSA




di Gianni Lannes


Della serie: terrorismo di Stato e vite umane spezzate per sempre. La paura collettiva è la più efficace arma di controllo delle masse, basta iniettarla ogni tanto anche a piccole dosi. Senza scrupoli chi comanda manda in onda, come da copione, l’ennesima macelleria di civili (ben 128 persone assassinate a sangue freddo) per instaurare uno stato di emergenza e sospendere le libertà civili. Possibile che i servizi di sicurezza francesi, tra i più efficienti al mondo, non sapessero niente? Mai sentito nominare Eurogendfor? Una mattanza ha diversi scopi: intanto spaventa e distrae l’opinione pubblica, porta fuori scena temi scottanti per piazzare sul proscenio un episodio cruento. Attenzione: accadrà ancora, anche in Italia.

La Direzione generale della sicurezza esterna (Dsge) ha sviluppato uno dei sistemi di ascolto e intercettazioni di massa più estesi al mondo; un piano che si basa sulla collaborazione sugli operatori via cavo Alcatel e Orange e si avvale delle intese spionistiche con Nsa e Government communications headquarters (quartier generale delle comunicazioni del governo britannico). Nel 2011 Parigi ha investito una montagna di denaro pubblico in Osmos e Bull, due multinazionali al vertice nel settore delle intercettazioni e delle comunicazioni in rete. I loro programmi analizzano in tempo reale il contenuto del traffico e individuare quasi chiunque. Insomma, il governo Valls sta perfezionando tecniche e tecnologia per entrare sempre più nelle vite private dei francesi, ma anche all’estero (vedi Italia).