28.2.13

GRILLO: L'EVASORE TOMBALE

di Zorro


Che ci volete fare? A casa Grillo fanno così. Dicono una cosa in pubblico e poi ne fanno un'altra opposta in privato. Infatti, vale l'adagio: vizi privati e pubbliche virtù. Allora, da che pulpito viene la predica? Grillini non siate grullini. Sveglia...

RAGIONIER BEPPE GRILLO, rammenta questi due articoli giornalistici pubblicati dal quotidiano IL TEMPO? Si narra della sua evasione fiscale e della conseguente richiesta della sua società immobiliare GESTIMAR di usufruire non di uno, bensì di due condoni tombali offerti dal governo Berlusconi, grazie al ministro del ramo, tale Tremonti (altra conoscenza Aspen con filiazione Rockefeller). Nel suo curriculum c'è anche un condono cementizio per la sua villa di Sant'Ilario sulle colline di Genova. E' in grado di smentire queste notizie documentate con fatti concreti e non con i soliti starnazzamenti urlati?


LASCIO IL MOVIMENTO 5 STELLE

 

di Monica Fontanelli

Alle scorse elezioni comunali di Bologna e alle regionali ho votato il Movimento 5 Stelle. Leggo i post di Grillo da anni, e ho visto nel Movimento una “speranza” per il nostro Paese. La scorsa primavera ho deciso di partecipare attivamente alle riunioni dello stesso. Avevo ovviamente letto il programma nazionale e ne condividevo i contenuti. Sono insegnante e mi interessano molto quelli inerenti alla scuola. Ci lavoro da quasi 30 anni e la demolizione della scuola pubblica portata avanti dalla Gelmini, la circolare Limina in Emilia Romagna che invitava i dirigenti scolastici ad assumere provvedimenti disciplinari nei confronti degli insegnanti che avessero preso posizioni pubbliche critiche nei confronti della Riforma, la situazione sempre più drammatica del nostro Paese con la crisi economica affrontata con i tagli allo Stato sociale, hanno suscitato in me la necessità di assumere un impegno civile diretto.

27.2.13

IL GRILLO SPARLANTE E LE STELLETTE SILENTI




 di Gianni Lannes

La salute ormai è un lusso anche in Italia. Le condizioni sociali di vita peggiorano sempre più.  La gente è stanca e non ne può più di vessazioni dello Stato, ed imbroglioni che indorano la pillola per il proprio tornaconto. 

C’è una canzone scritta e cantata dal maestro dei cantautori italiani, ovvero Matteo Salvatore, intitolata “ E’ proibit’ ”: mi è tornata in mente ora, dopo gli avvertimenti a lasciar perdere Grillo che pare goda di immunità ducesca. Mussolini, ovviamente, non c'entra.

Il “reuccio” è nudo più di un verme, ma non si deve dire perché il suo partito (telecomandato da un’azienda di neuromarketing) è stato votato da milioni di individui. E visto il successo elettorale adesso va tanto di moda. Però,  in qualunque salsa vogliate imbonire il discorso, questo “messia” (così ribattezzato dal guru del guru, detto anche Casaleggio Gianroberto) non mi incanta e non mi impressiona. 

ITALIA: LA FARSA CONTINUA





di Gianni Lannes

La notizia risale al gennaio scorso, ma vale la pena riesumarla perché rivela una previsione illuminante. Allora, di chi parliamo? Ma del materassaio intercontinentale, già braccio destro di Eugenio Cefis, vero capo occulto della loggia segreta Propaganda 2 (sostenuta dalla CIA) e mandante dell’attentato ad Enrico Mattei e dell’omicidio di Pier Paolo Pasolini, nonché della sparizione mafiosa di Mauro De Mauro. Ecco il lancio trascurato e poco noto all’opinione pubblica dell’agenzia giornalistica Adn Kronos:

«Roma, 2 gen. (Adnkronos) - ''Sono nel mio studio, vedo il cielo molto buio. E' scuro. Molto. Anche se ci sono i monti. Oltre i monti, pero', bisogna vedere quello che ci sara'...''. Licio Gelli, ex maestro Venerabile della Loggia P2, legge cosi' l'attuale situazione politica. ''Alle prossime elezioni -spiega Gelli all'Adnkronos- ci sara' un grande astensionismo, una percentuale intorno al 40-45%. Prevedo che a settembre andremo a votare nuovamente...''».

“Prima voti La Qualunque e poi rifletti. Vota La Qualunque, Partito du Pilu”. Scherzi a parte (mica tanto), l’imbonitore telecomandato ieri sul tardi ha sbraitato in forma scritta dal suo blog: “Gli italiani non votano mai a caso”. Il sunto grullino recita così:

26.2.13

ELEZIONI SCONTATE

di  Stefano Montanari
Tutti hanno mostrato sorpresa. Io, no. Per me era tutto scontato e il mio margine personale di errore non è arrivato al punto percentuale.
Ora l’Italia è ingovernabile - dicono tutti - ma - mi chiedo io – quando mai è stata governabile? Il vecchio statista cavalier Benito Mussolini ebbe a dire che governare l’Italia non è impossibile: semplicemente è inutile. Dunque, continueremo lungo un cammino che conosciamo alla perfezione perché fa parte integrante del nostro DNA  ed è quello che in biologia è un carattere dominante.
Al momento, in attesa di nuove elezioni che lasceranno la situazione sostanzialmente invariata tranne, magari, qualche leggero ingrossamento del mare, abbiamo tre schieramenti capaci di massacrarci come meritiamo oltre quanto non è stato fatto finora. Abbiamo quello polveroso (in ogni senso) del Bersani di Neanderthal  su cui non mi dilungo più di tanto. Chi vuole, legga il bell’articolo di Gianni Lannes che troverà all’indirizzo http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2013/02/bersani-prescelto-dal-sistema-di-potere.html

HA VINTO L’INGOVERNABILITA’ PROGRAMMATA



di Gianni Lannes

Non c’è da gioire. Ora la fregatura è evidente anche a chi si è svegliato tardi dal letargo e ha votato in buona fede Grillo pensando al cambiamento, non rendendosi conto che il ragioniere (a sua volta controllato da Casaleggio) è un altro pupazzo (consapevole o  meno, non ha importanza) dello zio Sam.

Dunque, Italia allo sbaraglio calcolato a tavolino. Confusione, paralisi, compromessi di infimo profilo: ecco cosa si profila all’orizzonte tricolore. A Washington, però, hanno brindato al brillante risultato ben pianificato, ottenuto senza colpo ferire nel 51° Stato a stelle e strisce, annesso senza plebiscito, ma grazie agli accordi segreti di Cassibile ed al BIA del 1954. Casa Bianca, Dipartimento di Stato, Cia e Pentagono mantengono sotto le proprie grinfie lo Stivale, al pari delle multinazionali del crimine e dei mafiosi della finanza, a partire da Rockefeller e Rothschild.

Il comune denominatore generale: tutti fedeli servitori del padrone USA (e getta), a partire da mister Grillo che nel 2008 aveva segretamente incontrato l'ambasciatore Ronald Spogli (vedi rapporto a Washington). L’Europa dei banchieri che sta mettendo in ginocchio il Belpaese non si mette in discussione, alla stregua della Nato e dell’occupazione militare nordamericana della Penisola, imbottita di basi militari (compresi ordigni nucleari e chimici). Alcuni temi elusi: il signoraggio bancario (responsabile dell’enorme debito pubblico) e la giustizia sociale.

25.2.13

ITALIA LIBERA



ECCO IL PENSIERO CHE CONDIVIDO IN PIENO DI UN CITTADINO ITALIANO.


di Antonio Bassi



...Io sto dalla parte NOSTRA, ossia quella degli Italiani indipendenti e padroni di decidere del loro futuro. Non sto con Grillo e Casaleggio, non con Berlusconi, non con Bersani, non con Monti, non con l'Unione Europea, non con la NATO, non con la CIA, non con Rockefeller, non con i Rothschild. Sto con l'Italia indipendente e non colonia anglo-americana. Le mie proposte per la crisi sono le seguenti: uscita dalla NATO, dalla EU e quindi dall'Euro, ritorno alla moneta nazionale, rinuncia ai trattati di Maastricht, Lisbona, Velsen, al Fiscal Compact e al Meccanismo Europeo di Stabilita'. Propongo di aprire inchieste sugli omicidi di Giovanni Falcone, Aldo Moro ed Enrico Mattei, sulla vicenda del Britannia e sugli eventi che hanno portato alla svendita delle grandi aziende di stato. Propongo di fare i conti con la storia e con noi stessi, far saltare fuori le verita' vere e liberarci della schiavitu' in cui ci tengono gli anglo-americani.

 
 Altro commento postato da "Italia dei dolori":

Quando la crisi avrà raggiunto il suo apice e l'intera umanità sarà definitivamente in ginocchio (qui non si tratta della sola Italia), i banchieri instaureranno un Nuovo Ordine Mondiale fondato su una nuova valuta internazionale: la moneta unica elettronica. E qui, entrerà in gioco Bersani, suo assennato sostenitore. Giunti a questo punto, sarà tardi per opporsi alla dittatura voluta da questi servi del potere. La sola ed unica via di salvezza sarebbe quella di porre le banche centrali sotto il controllo dello Stato e sottomettere i parlamenti alla sovranità popolare attraverso nuove regole di democrazia partecipativa. Ma dobbiamo riconoscere che questa è utopia: dopo 5 minuti avremmo l'ONU a cannoneggiarci oppure avremmo un'esatta replica del 9 maggio 1978 dove si consumò l'ennesimo delitto di chi volle provare a modificare le regole del monopolio esclusivo delle banche centrali: il presidente dell'allora partito politico di maggioranza, Aldo Moro.

COLONIA ITALIA



di Gianni Lannes

Ho ascoltato con interesse l’intervista rilasciata recentemente da Beppe Grillo alla rete televisiva Class Cnbc. Mi ha colpito l’affermazione sulla difesa odierna del patrimonio italiano. Allora, è il caso di compiere qualche passo a ritroso nel tempo. Così magari a più di qualcuno, compreso Grillo potrebbe tornare d’incanto la memoria. In questa storia del Britannia, vale a dire come spartirsi il patrimonio italiano,  entrano in servizio diversi camerieri italiani: Amato, Ciampi, Prodi, Draghi ed altri. 

Più di tutto: era stato appena assassinato - per volontà istituzionale e manovalanza mafiosa sotto la supervisione del Sisde (il servizio segreto civile) - il magistrato Giovanni Falcone, sua moglie e l’intera scorta di Polizia. Medesima sorte, ricordiamolo, toccherà qualche mese più tardi anche al giudice Paolo Borsellino ed alla scorta. Cosa avevano scoperto Falcone e Borsellino? Altro che Cosa Nostra. Lo Stato italiano, anzi alcuni Stati sono la quintessenza della mafia. Nel ’92 si registra il passaggio di consegna dal governo Andreotti (prescritto dalla Cassazione per mafia, comunque in accordo affaristico-elettorale con Cosa Nostra) al governo Amato (quel privilegiato ora lautamente pensionato che mise nottetempo le mani sui conti correnti del popolo italiano, ed ora si accinge a diventare Presidente della Repubblica). 

Allora il governo in carica cosa ha fatto a quel tempo? Offre la possibilità agli squali della finanza anglo-americana ed al governo inglese attraverso la regina Elisabetta Windsor (mafiosa di prim’ordine), di mettere le mani sui gioielli italiani. Che strana coincidenza: scoppia “Mani pulite” e certuni fanno improvvisa carriera politica, mentre altri salgono sulla scena mediatica. Ora Grillo può anche giocare a fare il dittatorello italiota, ma non può alterare la storia. Dovrebbe farsi quantomeno istruire un po’, prima di sfiorare argomenti più grandi di lui, con cui non ha alcuna dimestichezza.  La maggioranza non è grullina. Ragionier Grillo ha partecipato alla riunione del Britannia il 2 giugno 1992?

IL CANDIDATO BEPPE GRILLO

di Gianni Lannes


Niente di personale: la verità va detta, poi uno si fa infinocchiare come vuole. Dalle mie parti si dice: se un asino non vuole bere lascialo crepare di sete. Sia chiaro: questa non è l’intervista in ginocchio di Travaglio. E' in gioco il presente ed il futuro del mio Paese, attualmente privo di libertà e senza democrazia. Comunque, la farsa è finita.

Italia: corre l’anno 2012. Grillo ancora una volta recita su copione di Casaleggio: «Non mi candiderò al Parlamento». E’ il succo dell’ennesima dichiarazione raccolta per strada. Poi occasionalmente mandata in onda dal programma Rai,  Ballarò, tre mesi fa, ovvero martedi 20 novembre: «Sono pieno di carichi pendenti, sono un delinquente» conferma l’ex comicante. 


Alla prova dei fatti Giuseppe Piero Grillo risulta candidato a capo del governo italiano. La notizia ufficiale è racchiusa nei documenti del ministero dell’Interno, ma basta collegarsi al sito del Viminale per leggere così: 

«Elezioni politiche e regionali 2013. On-line coalizioni, leader e programmi: un servizio che il ministero dell’Interno offre al cittadino per garantire trasparenza alla competizione elettorale. I leader che si candidano alla guida del Paese, ciascuno con un proprio simbolo o una coalizione di simboli e un proprio programma. Ecco l'elenco contenente tutti i leader candidati alle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio 2013 con, a fianco di ciascuno, i simboli dei partiti collegati e i relativi programmi elettorali. Coalizioni, leader e programmi. Grillo candidato premier ufficiale di M5S. La "corsa" al deposito ufficializza anche gli aspiranti premier delle formazioni politiche in campo: per il Movimento 5 Stelle, il candidato è Beppe Grillo».

23.2.13

VOTO LO SCIOPERO GENERALE AD OLTRANZA


di Gianni Lannes


Ci maltrattano come servi stupidi. Dal 1948 questo è l’appuntamento elettorale più fasullo della storia repubblicana italiana. 
La Costituzione (mai applicata nei suoi dettami) è stata annullata nel 2009 con l’entrata in vigore del Trattato internazionale di Lisbona, approvato da tutti gli aspiranti governanti di oggi. La stessa legge elettorale è incostituzionale ed antidemocratica. 

Il Parlamento tricolore non conta più nulla da un bel pezzo: infatti è stato esautorato senza colpo ferire, nella silenzio dei mass media già asserviti, e nella disattenzione totale.

22.2.13

TUTTI A CASA: USA, GRILLO, POLITICANTI...


di Gianni Lannes

L’Italia è un Paese allo sbando, dove i padroni nordamericani fanno i porci comodi loro usando chiunque alla bisogna. I nostri militari (perfino gli ufficiali), i nostri funzionari di Polizia e dei Servizi segreti, i nostri carabinieri, i nostri magistrati e tanti altri, sono trattati peggio di pezze da piede, non come alleati. 

Gli anglo-americani considerano noi italiani, decisamente esseri inferiori. Provate a verificare per credere. L’andazzo si protrae dall’armistizio di Cassibile (alla voce clausole segrete) del 3 settembre 1943. L’ultimo adottato è Beppe Grillo, cooptato ufficialmente nell’incontro segreto all’ambasciata USA a di Roma il 4 aprile 2008 (alla voce report Spogli) tenuto nascosto all’opinione pubblica, soprattutto ai grillini dall’ imbonitore che pende dalle labbra del nebuloso Casaleggio. L'ex comicante, definito  addirittura "messia" dal socio d'affari Casaleggio, ed aspirante statista, non è un leader, piuttosto, alla luce dei fatti, appare un megafono in mani altrui (straniere).

"Nessuno ha toccato questa terra se non come un conquistatore o un nemico o un visitatore incomprensivo": parole come macigni di pietra, vergate da Carlo Levi.

21.2.13

UN INCENERITORE FUORILEGGE TARGATO PD+PDL+SEL

di Gianni Lannes
 
Nichi Vendola li chiama termovalorizzatori: ma è solo una squallida menzogna che non ha nulla di scientifico. Gli affari sono affaroni quando si consumano sulla pelle dell’ignara popolazione, senza riguardo per i bambini. In poche parole ecco l’ennesimo cancro-valorizzatore. I politicanti di destra+centro+sinistra non volevano che si sapesse in campagna elettorale e hanno riservato la brutta sorpresa al 28 febbraio (ore 10) nella sede della Provincia di Foggia (di via Telesforo).Questo progetto era stato già bocciato nella sede regionale a novembre del 2009, grazie ad una inchiesta giornalistica che aveva smascherato la truffaldina operazione speculativa, e ad una massiccia mobilitazione popolare. Non è valso a nulla. Un altro cancro-valorizzatore della società Caviro di Faenza (piano già arrestato in Emilia Romagna, dove era sponsorizzato dalle società Caviro ed Hera) si realizza invece nella Puglia del sedicente ecologista Nichi Vendola. Quello che non va bene al nord perché fa male ed è palesemente inutile, si fa in riva all’Adriatico, perché qui gli autoctoni non contano niente. Un cavallo di troia: un’altra centrale a biomasse mascherata, quando la presunta materia prima latita, anche in ragioni di altri impianti già omaggiati (autorizzazione unica numero 298 del 15 novembre 2011, rilasciata dalla regione Puglia) da Svendola Puglia (come il progetto della Enterra di Orio al Serio in provincia di Bergamo a 30 metri dalla case di Borgo Eridania, dove vivono esseri umani, inclusi tanti bimbi). In fondo è solo un pretesto per incassare quattrini. 

19.2.13

ACQUA PRIVATIZZATA E SEMPRE PIU’ CARA



di Gianni Lannes

E’ passato alla storia come il referendum tradito dai Governi italiani: Berlusconi & Monti, anzi annacquato. Il 12 e 13 giugno 2011, ben 26.637.943 cittadine e cittadini d’Italia (il 54,81% degli aventi diritto) hanno votato sì alla ri-pubblicizzazione del servizio idrico integrato. Il quesito 1 prevedeva "l’abrogazione di una parte della legge 133/2008, per contrastare l’accelerazione imposta dal governo Berlusconi in materia di privatizzazione del servizio idrico". Mentre il secondo quesito indicava "l’abrogazione della normativa che consente al gestore del servizio idrico di caricare sulla bolletta un 7 % a remunerazione del capitale investito".  Bene, come è andata a finire? In un nulla di fatto. Anzi, il Governo Monti con il decreto sulle liberalizzazioni ha negato agli enti di diritto pubblico (le aziende speciali) di gestire acquedotti e rete, mettendo nuovamente nella mani dei privati l’affare dell’acqua italiana.

17.2.13

ULTIMA GUERRA MONDIALE IN ATTO


di Gianni Lannes

Gli effetti della geoingegneria sono globali, anche se qualcuno vorrebbe far credere che gli attuali esperimenti siano su scala regionale e non abbiano conseguenze su tutto il globo…

Abbiamo le prove. Il Governo Usa e la Nato sono artefici di terremoti artificiali che hanno provocato la morte di tante persone, compresi i bambini. Anche la scienza ha la sua responsabilità: European Seismological Commission. Professori universitari, ricercatori e baroni accademici, nonché famosi enti di ricerca e multinazionali petrolifere, a causa delle loro sperimentazioni, spesso utilizzando enormi quantitativi di esplosivi convenzionali nel sottosuolo e nel fondo del mare a partire dal 1956 in Europa (finanziate dal Patto Atlantico) soprattutto in Italia, hanno innescato sismi terribili e le conseguenze sulla popolazione non sono mai state valutate dall'Autorità Giudiziaria. Ma è solo una questione di tempo. C'è anche chi come il "luminare" Enzo Boschi (appena condannato dal Tribunale di L'Aquila a 6 anni di reclusione) ha fatto previsioni di terremoti che si sono avverati. E altri esperti che ritrattano dichiarazioni imbarazzanti: "in Italia sono state usate anche 10 tonnellate di dinamite per ogni esperimento in mare nella terraferma sulle faglie sismiche attive". Il sistema civile si chiama "Deep Seismic Soundings". Tanto per vedere il terremoto che fa. E' opportuno che la magistratura parta subito con un'indagine accurata sulle attività di manomissione ed inquinamento dei dati sensibili (alterazione dei sismogrammi) ad opera dell'INGV. A breve aprirò personalmente il vaso di Pandora: la gente deve sapere quali mostri si nascondono dietro le istituzioni e quali crimini hanno commesso sulla pelle della nostra gente. Nell'ambito della sismologia ai non addetti ai lavori il Gruppo Grandi Esplosioni, poi denominato gruppo Grandi Profili non dice niente. Ma basta esaminare gli appositi Activity Reports per comprendere appieno la portata e le conseguenze delle numerose campagne di sismica crostale profonda nella Penisola e nei suoi mari, a suon di ordigni esplosivi ad alto potenziale. Insomma, gli esperti civili sono ricattabili: ecco perché taroccano i dati e non vuotano il sacco sulle attuali sperimentazioni militari in atto.

Se i terremoti (naturali) secondo la persistente vulgata scientifica non sono prevedibili, allora come mai quello che si verificò il 13 dicembre 1990 nella Sicilia orientale fu annunciato opubblicamente dai sismologi di fama (compreso il solito Enzo Boschi) ed effettivamente si verificò nel giorno stabilito?

Quello che nessuno immagina, almeno nell'opinione pubblica. Cito solo una data: 23 novembre 1980 (terremoto in Irpinia: 2.734 vittime).

E' tutto interconnesso: il fine ultimo è il nuovo ordine mondiale. "Secondo i molti rapporti che abbiamo ricevuto, crediamo che inizierà con qualche tipo di disastro economico in tutto il mondo. Non un crash completo, ma abbastanza per permettere loro di introdurre una sorta di in-tra moneta che introduca denaro elettronico a sostituire tutte le carte o denaro in circolazione. La nuova moneta elettronica dovrà essere utilizzata per forza da tutti al fine di evitare che capiscano che le persone che hanno soldi e non sono dipendenti da essi potrebbero essere proprio quelli che monterebbero un insurrezione contro di loro. Se ognuno è dipendente dalla moneta elettronica, non si può finanziare una guerra di ribellione che sarebbe stata finanziata dalla moneta tradizionale, quindi: la carta moneta cesserà di esistere. Questo è uno dei primi segni» parola di Serge Monast (conferenza denuncia pubblica dell'anno 1994).

Il collega Serge Monast [1945 - 5 dicembre 1996] era un  giornalista canadese,  alla ricerca di informazioni riguardo il Project Blue Beam, morto per "infarto ", a poche settimane dalla denuncia di ciò che aveva scoperto, anche se non aveva nessun un precedente di malattia cardiaca. Serge era in Canada. Prima della sua morte, il governo canadese rapì la figlia di Serge, nel tentativo di dissuaderlo dal proseguire la sua ricerca sul Progetto Blue Beam. Sua figlia non è mai stato restituita.

USA GRILLO PER L'ITALIA


di Gianni Lannes

Attenzione al lato oscuro di mister Beppe Grillo. Ne avevo già scritto l'anno scorso a proposito dell'Aspen Institute e di Casaleggio Associati, in cui sono affiliati gran parte dei politicanti italioti, a partire dal presidente uscente Napolitano. Adottato, cooptato, assoldato, consigliato o semplicemente guidato? Il dittatorello ligure 5 anni fa è stato avvicinato dall'ambasciatore USA in Italia mentre i gendarmi del globo terrestre erano (e sono tuttora) impegnati nelle guerre di conquista che spesso decollano dall'Italia, da loro stessi  imbottita di armamenti nucleari e basi bellliche. Perché la diplomazia di Washington ha consultato un ragioniere comico? Non sorprende più di tanto che poi sia sorto il movimento 5 stelle. Grillo ha nascosto all'opinione pubblica, compresi i suoi adepti e seguaci, questo contatto ravvicinato dei padroni a stelle e strisce.  Ecco perché Grillo non fiata sulla sovranità e sulla guerra: non ha argomenti, bensì dipendenze!

L'ideologia che promana dall'ex comico è totalitaria: lui (chi per lui) usa una classica tecnica di manipolazione del consenso. Ingannevole e antidemocratico alla prova dei fatti. Tutto torna: Casaleggio, Sasson, Aspen. Il predicatore pensa già al futuro, al potere che verrà per conto dello Zio Sam, come tutti gli altri alieni al Parlamento. Allora, da chi prende ordini il padrone per conto terzi di M5S? Grillo lei c'era o non c'era a bordo del Britannia nel 1992? Il sistema di potere che vuole instaurare un nuovo ordine mondiale ha preso dal mazzo un sedicente paladino dell'antisistema, per conquistare meglio le masse recalcitranti. L' imbonitore ad aria fritta basta non votarlo. E' avanzato un vaffa per lui. Passate parola...


http://www.lastampa.it/rw/Pub/Prod/PDF/4aprile2008.pdf

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2011/12/grillo-le-parole-che-non-ti-ho-detto.html

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2013/02/inarrestabili-crimini-della-cia.html

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2012/09/giorgio-napolitano-mission-italy.html