28.7.14

ARMAMENTI NUCLEARI UNITED STATES OF AMERICA INABISSATI TRA SICILIA E SARDEGNA


10 March 1956: A B-47 Stratojet of the US Air Force disappeared while carrying the cores of two nuclear weapons  
 

 di Gianni Lannes


Della serie: notizie di rilevanza mondiale mai pubblicate in Italia. Numerosi studi scientifici a livello internazionale, compresi alcuni rapporti dell'Aiea hanno evidenziato la presenza di plutonio 239 e plutonio 240 nel Mediterraneo, in particolare nei mari italiani. Questi due radionuclidi non esistono in natura, ovvero sono artificiali, ma pericolosi per più di 24 mila anni. Infatti, possono provocare il cancro e processi di mutagenesi.

rapporto del Pentagono


Il 10 marzo 1956 un velivolo dell'U.S. Air Force B -47 "Stratojet" decollato dalla Florida e diretto in Europa, è piombato in mare tra la Sicilia e la Sardegna. L'aereo con un carico di ordigni atomici non è mai stato ritrovato dalle autorità nordamericane. Non è stato né il primo né l'ultimo incidente di questo genere.  Ecco un rilievo di Greenpeace International:

"10 March 1956: A U.S. Air Force B-47 bomber carrying two capsules of nuclear materials for nuclear bombs, en route from MacDill AFB, Florida, to Europe, failed to meet its aerial refueling plane over the Mediterranean Sea. An extensive search failed to locate any traces of the missing aircraft or crew".
 
 rapporto del Pentagono



     
A bordo vi erano il capitano Robert H. Hodgin (comandante), il capitano Gordon M. Insley (osservatore) e il pilota Ronald L. Kurtz.
Quali conseguenze ambientali e sanitarie ha avuto questo incidente?

Proprio nel 1956 i governanti d'Italia, già succubi del patto atlantico, senza interpellare il Parlamento, vale a dire segretamente - come attestano i documenti ufficiali di Washington e il carteggio con Segni, Fanfani e Taviani (pubblicati nel mio libro ITALIA, USA E GETTA) avevano accettato di ospitare sul suolo nazionale un arsenale nucleare degli Stati Uniti d'America, da allora accresciuto senza alcun controllo italiano. Non è tutto, come aveva denunziato Saragat: il nucleare civile in Italia serviva prevalentemente a fabbricare plutonio, come nel caso specifico della centrale atomica di Borgo Sabotino. Italidioti zitti e muti, anzi radioattivi oggi e mutanti domani.
    

 riferimenti:








DIVERSITA': SCAMBIO E CONOSCENZA






 di Giusto Franco

Purtroppo da qualche giorno comincio ad avvertire sintomi di asfissia da brutte notizie e immagini. Ho trascorso la maggior parte della mia vita  a fare il chirurgo (generale)  e quindi  abituato a convivere  con la sofferenza e quanto ad essa correlato, ma  è la prima volta che avverto questo segnale.  Quando il nostro organismo ci manda qualche messaggio  è importante saperlo riconoscere per correggere la rotta del nostro cammino e  il modo di agire al fine di  mantenere un buon centro di gravità.

In pratica: siamo da mattina a sera bombardati in modo crescente, ormai da alcuni anni, da un'involuzione dello stato sociale, morale, culturale, economico, cognitivo  e molto altro che riguardi la nostra vita di relazione. Si comunica sempre più in modo anonimo attraverso la  telefonia , sms, whatsapp, o direttamente in modo brusco e scortese, avendo perso la cognizione e l'armonia del linguaggio del corpo, dello sguardo, la gentilezza,  e la mimica della controparte con cui si relaziona.  Stiamo addomesticandoci ad  esistere e  sopravvivere anziché vivere. Ci stiamo assuefacendo  al concetto di genocidio, strage, schiavitù, mancanza di diritti civili, violenza morale, psichica, fisica, corruzione, ristrettezze e sacrifici imposti...ci stiamo adattando a tutto questo incoraggiati dal messaggio  contrabbandato  che questa capacità di adattamento sia  una grande risorsa esclusiva dell'uomo.  Cosa abbiamo allora a disposizione per contrastare e  risorgere da tutto ciò?   

ISRAELE FA NUOVAMENTE PROVE DI GUERRA IN SARDEGNA!

 


di Gianni Lannes


Siamo in piena terza guerra mondiale: non a caso le nazioni arabe sono state prevalentemente sovvertite dallo zio Sam. Come avevo già scritto in passato, questi sedicenti padroni del mondo, usano e sfruttano la nostra terra e i nostri mari. Poiché il popolo sardo come quello italiano è fatto di sudditi e cavie, anche il prossimo 21 settembre e per 4 mesi, le forze armate della dittatura di Tel Aviv - responsabile del genocidio in atto del popolo di Palestina - sperimenteranno in quest'isola nuovi armamenti, a danno dell'ambiente e della salute isolana, già compromessa da mezzo secolo di atrocità segrete. D'altronde il governo Berlusconi ha sottoscritto a suo tempo un memorandum bellico con i nazifascisti sionisti: un accordo militare e tecnologico mai contestato o annullato da Prodi, Ciampi, Napolitano, Monti, Letta & Renzi. Pecunia non olet: i governi tricolore sempre più eterodiretti dall'estero, affittano il suolo, l'acqua, l'aria e le vite di Shardana per testare armamenti sempre più micidiali, in violazione della Costituzione repubblicana, nonché delle Convenzioni internazionali in materia ecologica e a difesa dei diritti umani. Alla prova dei fatti, a chi detta legge per conto straniero non frega niente della vita del popolo italiano, ancora meno di quello sardo. Tanto nessuno azzarda ribellioni. Vi dico: basta subire! E tanto per iniziare: chiusura di tutti i poligoni militari in Sardegna e bonifica a carico immediato di chi ha inquinato, secondo il principio di diritto internazionale "chi inquina paga". 


riferimenti: 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=israele 

 http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=SARDEGNA

http://www.aeronautica.difesa.it/Organizzazione/Reparti/RepartiAddestrativi/Pagine/Rssta.aspx 

EUROPA: MASSE INEBETITE!

Aerosolchemioterapia bellica NATO


di Sam Bellamy

Anche ieri ho avuto modo di constatare quanto la massa stia in preda ad un letargo auto-indotto.....
Inoltre non si sveglia nonostante queste continue anomalie climatiche (sta finendo luglio e avremo visto al massimo 5 giorni continuati di estate,con sbalzi di temperatura anche nell'ordine di 17 gradi nell'arco di poche ore).Qualche giorno fa, mentre si parlava proprio di questo e cercavo di spiegare il funzionamento della geoingegneria ,sono stato deriso da un neolaureato in chimica che,sicome lui ha studiato e non ha mai trovato riscontri nè sui testi, nè nelle sue ricerche, ha concluso che il fenomeno non esiste, che si tratta di manie e psicosi di massa indotte da internet.Il tutto, mentre sopra le nostre teste i soliti aerei disegnavano scacchiere e linee incrociate in una area ben delimitata.

E' proprio vero che non esiste peggior cieco di chi non vuol vedere,così come trovo sempre più fondato un mio pensiero che dimostra che i cosiddetti laureati e "dotti" sono le persone più ottuse e limitate mentalmente che io conosca....

MARCHE: I MERCANTI NEL TEMPIO

Loreto: foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)






di Gianni Lannes


Al santuario di Loreto il cartello dice: “articoli religiosi” e le bancarelle di chincaglieria ormai cinese - ricavata dai rifiuti occidentali - non mancano in barba al Vangelo, così come le automobili che assediano il centro religioso. In questa regione il Pil è alle stelle, ma non dice tutto, anzi quasi niente sulla presenza storica della ‘ndrangheta (certificata dagli impolverati rapporti statali antimafia) che ha contaminato l’economia sana di questo territorio sull’Adriatico. Il prodotto interno lordo è un misuratore economico che non rivela nulla sui prenditori tricolore che in un amen hanno chiuso fabbriche, abbandonato in mezzo alla strada fior di operai per accumulare quattrini facili all’estero.  

 Conero - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)


Dal colle mariano in lontananza si staglia il Conero, ingabbiato dalla presenza bellica della NATO e dal cemento a tutto spiano che ha sfigurato anche questo territorio. Infatti, la poetica vista a perdifiato del paesaggio è ormai un frenetico accavallarsi di capannoni prefabbricati e pioggia d'asfalto per la corsa di macchine senz'anima. 

26.7.14

I BAMBINI SONO LUCE DEL MONDO

foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)



di Gianni Lannes



Manipolazioni della realtà, incomunicabilità, agonie, guerre visibili e invisibili come quella ambientale in atto contro il genere umano e Gaia. La concorrenza, la pubblicità, la moda, l'edonismo, il consumismo e tutti gli altri marchi dell'americanizzazione (una faccia del capitalismo bellico) stanno devastando l'umanità; i mali di origine sociale che inquinano la nostra quotidianità sono 
sempre più occultati dietro una gioiosità artificiale che cela la decadenza, mentre  l'individuo è rappresentato come l'unico responsabile della propria sofferenza ed è vittimizzato quando, sopraffatto dal dolore, si ritrova inibito ed angosciato. Così si forgiano i disumani. Tanta gente corre di fretta. Ma dove, e perché? 

Ogni adulto è stato un bambino: labbiamo dimenticato. E i 

bambini sono la luce del mondo, il sale della terra, il futuro.