1.3.17

LUCIO DALLA & MANFREDONIA





di Gianni Lannes

L’ultima volta che ho visto il caro Lucio è stato il 7 maggio 2011, a Termoli. Quel giorno c’era una mobilitazione popolare contro le trivelle in mare. Parlai dal palco a migliaia di manifestanti, volutamente per ultimo, dopo sindaci, consiglieri regionali ed onorevoli. Poi sbarcò Lucio dal suo motoscafo, giunto in ritardo dall’isola di San Domino e fu immenso. Io l'ho incontrato spesso in mare alle Tremiti dove scorazzava con il suo gommone, e dove mi calavo nelle profondità marine. Lui ci manca ad un lustro dalla sua scomparsa terrena, comunque le sue canzoni fanno affiorare sempre le lacrime per le emozioni che regalano a distanza di tempo.


Lucio era cittadino onorario di Manfredonia, luogo dove trascorse le sue vacanze estive della fanciullezza e gioventù. Proprio l’antico borgo è la famosa copertina di uno dei dischi più belli di Dalla, ovvero “ 4/3/1943”, a cui sono particolarmente legato perché coincide con la data di nascita di mia madre. C’è una foto in bianco e nero e una freccia che indicava il palazzo presso il quale il cantautore alloggiava con sua madre, una sarta che vendeva le sue creazioni ai ricchi del posto. 

SU LA TESTA!

La ricerca indipendente va sostenuta concretamente!
 
 Senza l'aiuto reale dei lettori non sarà possibile garantire alcuna attività nel 2017. Ricerca, analisi e studio richiedono tempo utile.

In questo sito dove migliaia di persone quotidianamente attingono gratis informazioni documentate, non ci sono sponsor o messaggi pubblicitari, e anche ciò consente di essere completamente indipendenti e non influenzabili. Se apprezzi questo lavoro di documentazione a disposizione di chiunque gratuitamente, puoi premiare SU LA TESTA! con una semplice  donazione.

Grazie e buon vento!
 
SU LA TESTA!

conto corrente di Poste italiane

iban:

IT80 J076 0115 7000 0009 3227 742
 

dall'estero:
 
codice BIC/SWIFT

BPPIITRRXXX

L’INCANDIDABILE BERLUSCONI HA PERSO CONTRO GLI INGLESI!



di Gianni Lannes

Silvio Berlusconi ha perso un altro processo. Infatti, è stato respinto dalla Cassazione il ricorso di sua emittenza contro il settimanale britannico The Economist per l’articolo “An Italian Story”, pubblicato il 26 aprile 2001, in piena campagna elettorale per le elezioni politiche, nel quale era espresso un giudizio negativo sulla idoneità dell’allora numero uno del centrodestra, ad assumere il ruolo di presidente del Consiglio. Ad avviso degli ermellini, l’articolo non era diffamatorio, ma ha correttamente esercitato il diritto di critica giornalistica e per questo è stato confermato il proscioglimento della testata edita a Londra. L’ex primo ministro è stato anche condannato a pagare 10 mila euro di spese legali in favore dell’avversario.

ARRESTATO ALFREDO ROMEO: NELLA STESSA INCHIESTA INDAGATI LOTTI E RENZI PADRE

L’imprenditore campano Alfredo Romeo è stato arrestato questa mattina dai carabinieri e dalla guardia di Finanza in relazione ad un episodio di corruzione nell’ambito dell’inchiesta Consip. Nei confronti di Romeo - riporta l'Ansa - il gip del tribunale di Roma ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.
Nei confronti di Alfredo Romeo, secondo quando si apprende da fonti qualificate è stato anche disposto il sequestro patrimoniale di 100 mila euro: secondo gli investigatori di Carabinieri e Guardia di Finanza e gli inquirenti della procura di Roma, si tratta del provento della corruzione di un dirigente della Consip. Parallelamente, su disposizione dei pm di Napoli, scatta anche la perquisizione per Italo Bocchino, consulente di Romeo.

fonte:


IN ARRIVO VACCINAZIONI OBBLIGATORIE IN PUGLIA

di Gianni Lannes

 
Ogni giorno se ne inventano una per rendere la vita impossibile alla gente. Ora hanno preso di mira i bambini. Chiamatela dittatura addomesticata per far soldi sulla pelle dei minori e favorire le solite multinazionali del crimine medico, o se preferite terrorismo istituzionale. L’obiettivo è approvare una legge regionale che rende obbligatorie le vaccinazioni per i minori come requisito indispensabile per accedere ai servizi pubblici. La proposta normativa porta la firma di Fabiano Amati (pd) e Sabino Zinni (esp). Eppure in Puglia non si registrano emergenze o epidemie, e non esiste alcuna evidenza scientifica dell'uytilità dei vaccini, oltretutto ancora imbottiti in deroga alla salute, dei tossici alluminio e mercurio. Peraltro la vaccinazione obbligatoria calpesta i diritti costituzionali ed universali di ogni essere umano. In ogni caso non si può fare un trattamento sanitario a un bimbo per la vaccinazione, ma piuttosto ai politicanti usciti di senno. Perché non aiutare invece concretamente le circa 18 mila persone che in Puglia sono affette da malatie rare, non previste dai LEA?


ISOLE TREMITI E NAVI DEI VELENI


di Gianni Lannes

Una testata giornalistica indipendente della Grecia mi ha contattato per saperne di più, poiché ho scoperto e rilevato in mare che numerose carrette - munite di bandiere ombra - partite dall'Italia cariche di scorie pericolose sono state affondate non solo nello Jonio ma anche nel Mar Egeo, come ben sanno i nostri cosiddetti servizi di sicurezza che hanno svolto un ruolo di intermediazione con la criminalità organizzata, al fine di far sparire carichi particolari.

Dopo la richiesta ricevuta oggi da un cittadino delle Isole Tremiti, torno sul gravoso problema eluso dalle istituzioni, già sepolto nella memoria collettiva. Ecco quanto documentavo ben dieci anni fa, e ancora prima, ossia nel 1997, mentre non c'è ancora un editore italiano che abbia il coraggio civile di pubblicare questo lavoro di inchiesta. A tutt'oggi lo Stato italiano ha insabbiato tutto. Dopo il convegno a Sannicandro Garganico nel 2009 alla presenza dell'assessore Guglielmo Minervini, i vertici della regione Puglia (all'epoca il sedicente ecologista Nichi Vendola) non hanno mantenuto alcun impegno risolutivo.



EMILIANO LO SMEMORATO!

 di Gianni Lannes

Il 26 gennaio 2017 ho indirizzato questa lettera aperta al presidente della regione Puglia, tale Michele Emiliano. A tutt'oggi non si è ancora degnato di rispondere. Ecco in quale considerazione tiene i gravi problemi che attanagliano la nostra terra e la nostra gente. Forse è troppo preso dalla corsa alla poltrona di segretario nazionale del partito democratico, per mantenere l'impegno istituzionale per cui è stato eletto in Puglia. Che ne pensate?




28.2.17

UNA BOMBA ATOMICA A MANFREDONIA!





di Gianni Lannes

Se il tentativo di realizzare a tutti i costi un gigantesco impianto di gas a petrolio liquefatto che movimenterà via mare e via terra ben 300 mila metri cubi di gpl all'anno, è a questo punto dell'iter amministrativo, qualche politicante locale doppiogiochista si è venduto al miglior offerente. Indovinate chi?


EMILIANO: “POLITICI A COSTO ZERO”

di Gianni Lannes

«Sono per la eliminazione totale degli stipendi dei politici. Li vorrei eliminare completamente. Nella costituzione cubana è previsto. Dovevano essere sostituiti da un’indennità. Con questo sistema risolveremmo ogni polemica» sbotta pubblicamente Michele Emiliano impegnato nella lotta contro Renzi alla poltrona da segretario nazionale del partito democratico. Emiliano (magistrato comodamente in aspettativa), è sotto indagine del Consiglio superiore della magistratura perché accusato di essere iscritto al piddì. Perché non si dimette da giudice e da presidente regionale?

MANFREDONIA: REGALATI A BARI ANCHE I PORTI



 

di Gianni Lannes

C’era una volta tanto tempo fa, prima della conquista romana, un porto fiorente di una città indipendente che ora l'Energas/Kuwait Petroleum vuole distruggere definitivamente, grazie anche al sostegno sottobanco di certi politicanti venduti al miglior offerente. Lo attestano documenti storici e presidi archeologici. Ancora due secoli fa, certificano i dati dell’archivio di Stato a Foggia, da Manfredonia partivano i bastimenti carichi dell’antico e prezioso grano “Saragolla” coltivato nel Tavoliere della Daunia.

Poi sbarcò l’Eni nel 1969 e fu la fine di un paradiso fra terra e mare. In cambio della rapina che perdura del metano, rubato dal sottosuolo dei Monti Dauni (attualmente sono operativi 128 pozzi e due centrali turbogas a Candela e a San Severo) i boiardi di Stato (tra cui Vincenzo Russo) impiantarono un pericoloso petrolchimico. I suoi veleni scaricati in gran segreto sulla terraferma e nel Golfo non sono stati ancora bonificati, nonostante i sostanziosi finanziamenti pubblici alla Syndial, ovvero all'Eni. 

L'INGAGGIO DI SIMONA VENTURA PER IL CARNEVALE DI MANFREDONIA



 E-mail inviata alle ore 12:30 odierne!

Alla cortese attenzione di Saverio Mazzone (Agenzia per il turismo di Manfredonia) e Roberto Ruffin (Stars Management Italia)

Buongiono a voi!

Per cortesia potreste farmi sapere a stretto giro di posta, e contestualmente inviarmi il contratto autenticato di Simona Ventura per la partecipazione al Carnevale di Manfredonia, per consentirmi di rettificare, eventualmente, l'inesattezza sulla somma di denaro pubblico pagata alla predetta Simona Ventura, di cui ho scritto qualche giorno fa? In attesa di un concreto e tempestivo riscontro, vi porgo i miei cordiali saluti!

Gianni Lannes

riferimenti:

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2017/02/35-mila-euro-per-la-carnevalata-di.html



POST SCRIPTUM



La trasparenza amministrativa è un obbligo di legge oltreché un fiore all’occhiello per chi non ha nulla da nascondere: pertanto invito l’agenzia del turismo di Manfredonia a rendere di dominio pubblico il contratto autenticato ed originale di Simona Ventura e di tutti gli altri ingaggiati, nonché a rendicontare la spesa dei 200 mila euro elargiti dall’amministrazione comunale con delibera di giunta numero 23 del 31 gennaio 2017. Rammento a tutti gli interessati che il decreto legislativo numero 33 è entrato in vigore nell’anno 2013.


In un comunicato del Comune di Manfredonia è scritto:


«L’Agenzia del Turismo di Manfredonia è una società consortile nata da un’idea dell’attuale Amministrazione guidata dal sindaco Angelo Riccardi. Essa ha il compito di promuovere l'offerta turistica, anche attraverso il coordinamento e la realizzazione di grandi eventi consolidati quali il Carnevale Dauno e la Festa Patronale (entrambe manifestazioni da realizzare in via prioritaria e inderogabile), valorizzando il vasto e variegato patrimonio archeologico, ambientale e culturale del territorio. E' demandata alla stessa anche la promozione e lo studio delle attività ricettive e turistiche del territorio, la divulgazione delle opportunità offerte dal turismo, la promozione di corsi di aggiornamento e di formazione, la partecipazione a mostre ed eventi di carattere turistico, lo sviluppo dell'informazione e dell’accoglienza turistica, la salvaguardia e la promozione delle identità e delle peculiarità culturali del territorio, la valorizzazione della cultura e delle tradizioni locali rafforzando l'identità e la crescita sociale della nostra comunità.


La quota di maggioranza pari al 51% è del Comune di Manfredonia, il restante 49% è diviso tra ben ventiquattro soggetti diversi tra loro (Ente Parco Nazionale del Gargano, Gruppo d’Azione Locale Daunofantino, Gespo, Cooperativa Bottega degli Apocrifi, Idea DOC, Biofood, Confesercenti p.m.i Foggia, Associazione Il Sipontino.Net, Red Hot, Andrea Pacilli Editore Buenaventura, Dominus Cafè, ConfCommercio, Fondazione Premio Re Manfredi, Califano, Consorzio Turistico Porta del Gargano, Associazione Arte in Arco, Associazione Artigiana Maria SS. di Siponto, Sertur Consulting, Rete Smash, Fantasy, Ditta Foglia Luigi, Manfredonia TV, Associazione Socio Culturale Una voce per il Sud, Associazione Culturale Manfredonia News.it.), ma uniti ed accomunati nell’amore per la propria città e nella convinzione che da Manfredonia può partire una nuova occasione per tutto il Gargano».



DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2013, n. 33 


Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicita', trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni. (13G00076) (GU Serie Generale n.80 del 5-4-2013)


note: Entrata in vigore del provvedimento: 20/04/2013


TERRORISMO: ITALIA IN PERICOLO




di Gianni Lannes


L’allarme è stato lanciato oggi da Aisi ed Aise, ovvero i nostri servizi di sicurezza che sparano sui mass media (già controllati a dovere): “rischio molto alto che si fa sempre più concreto”. E non si esclude la possibilità di attentati chimico-batteriologico-radiologico-nucleare. In effetti, basta direzionare quotidianamente lo sguardo al cielo - dal 2002, data di entrata in vigore dell’accordo segreto “USA l’Italia” camuffato da una sperimentazione climatica pseudo-scientifica, siglato il 19 luglio 2001 da Berlusconi e Bush, per rendersi conto che gli attacchi alla vita dell’ignara popolazione e dell’ambiente sono all’ordine del giorno. Altra questione sono le nostre frontiere colabrodo. E’ sufficiente dare un’occhiata ai porti - sovente secondari o se preferite tecnicamente di seconda categoria - per rendersi conto che spesso attraccano navi che non vengono mai controllate, come nel caso documentato di Manfredonia. Ed entra di tutto: dal grano inquinato di veleni chimici e contaminato dalla radioattività, ai rifiuti pericolosi importati dalla Francia, alla droga, alle armi, nonché ad eserciti di clandestini. Ma chi controlla i controllori? Da sempre il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica è composto da onorevoli appositamente incompetenti.

ITALIA MONDIALE

di Gianni Lannes

Non solo distrazioni di massa utili a nascondere drammi e problemi irrisolti. Belpaese da primato ma solo nel gioco d’azzardo, dove ormai risultano coinvolti migliaia e migliaia di minorenni che bazzicano le sale da gioco istituite dallo Stato tricolore e sono affetti come gli adulti da pericolose ludopatie. Solo nel 2016 sono stati bruciati 95 miliardi di euro, mai così tanto da quando l’azzardo è stato legalizzato. A conti fatti: 1.877 euro a testa, 5 euro al giorno. Rispetto al 2015 sono 7 miliardi in più, in totale quasi il doppio che nel 2008, nonostante la cosiddetta “crisi”, ovvero una speculazione finanziaria internazionale.

27.2.17

MANFREDONIA: 200 MILA EURO BUTTATI PER IL CARNEVALE


 
di Gianni Lannes

Non opinioni ma fatti. Alla voce documentata: spreco di denaro pubblico, sborsato dagli ignari contribuenti in un comune già enormemente indebitato, secondo due note della Corte dei Conti inviate al sindaco del cosiddetto partito democratico, tale Riccardi Angelo (sotto processo a Pescara per gravi reati penali) nel 2016. Più di metà della popolazione attiva non ha lavoro e il "primo cittadino pro tempore" che fa? Con la delibera numero 23 del 31 gennaio 2017 stanzia ben 200 mila euro per una carnevalata, ma prima ha innalzato il prezzo della mensa scolatica. E' semplicemente vergognoso. Sabato scorso ho tenuto una conferenza nella scuola che a Manfredonia ospita il liceo classico e quello scientifico accorpati recentemente per pura miopa amministrativa, in un prefabbricato risalente agli anni '70. Dov'è la sicurezza? Dov'è la civiltà? Dov'è la moralità? E poi si bruciano i quattrini pubblici così, alla mupegna.

26.2.17

35 MILA EURO PER LA CARNEVALATA DI SIMONA VENTURA?


foto teleradioerre

di Gianni Lannes

Un pescatore, un muratore un bracciante o un lavoratore comune per guadagnare onestamente 35 mila euro devono lavorare più di due anni, quasi tre ininterrottamente. Invece c'è chi mettendoci per qualche ora solo la faccia e la voce intasca la somma in una botta sola. Vi sembra un trattamento equo in una città dove più di metà della popolazione non ha un lavoro, e tante famiglie non riescono a mettere il pane sulla tavola per i figli?



DALLA BULGARIA A MANFREDONIA



di Gianni Lannes


Bentornati in un porto fantasma del belpaese, dove già il 2 gennaio 2017 sono giunte due navi colme di grano provenienti da Ucraina e Russia. Ha levato gli ormeggi il 20 febbraio scorso alle ore 20:03 (UTC) dal famigerato porto bulgaro di Burgas, crocevia del traffico di armi e rifiuti a livello mondiale. E’ approdata al porto alti fondali (Lat/Lon:41.5936 N/15.9542 E), ufficialmente “inagibile”, alle ore 00:30. L’imbarcazione è una general cargo. Si chiama SALVINIA (IMO: 9419084, MMSI: 636013076, identificativo di chiamata: A8KK8) è una nave costruita nel 2005 che naviga attualmente sotto la bandiera ombra (ossia fuorilegge) della Liberia (uno Stato fantoccio africano controllato da una multinazionale che ha sede a New York). La Salvinia ha lunghezza totale di 131 metri e larghezza massima di 18. La stazza lorda è di 6.619 tonnellate (DWT: 10.407 tonnellate).


ENERGAS-KUWAIT PETROLEUM: DIFFIDA FINALE!


Aperta ieri sera la sottoscrizione popolare. Cittadine e cittadini di Manfredonia possono firmare recandosi muniti di un valido documento d'identità presso la sede di Manfredonia Nuova, in piazza Duomo.
 




http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=energas 

24.2.17

GIANNI LANNES A MANFREDONIA IL 25 FEBBRAIO 2017

 
Sabato 25 febbraio dalle ore 11,30 alle 13,30 Gianni Lannes terrà una conferenza agli studenti e agli insegnanti del liceo classico Aldo Moro e del liceo scientifico Galileo Galilei di Manfredonia.

Nel pomeriggio alle ore 18 l'ex giornalista investigativo sarà presente all'apertura della sottoscrizione presso la sede dell'associazione Manfredonia Nuova (in piazza Duomo) per la diffida finale alle autorità italiane (dal presidente della Repubblica al presidente del consiglio, nonché al presidente della regione Puglia) al fine di ottenere l'arresto legale del pericoloso ed anti-ecologico impianto di gas a petrolio liquefatto dell'Energas-Kuwait Petroleum. In ogni caso ad aprile sarà inviato alle autorità giudiziarie, alla Commissione europea Ambiente e al Parlamento europeo il dossier realizzato da Gianni Lannes intitolato A TUTTO GAS.

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=energas 

http://galileionline.it/attachments/article/849/Circ.n.111%20Incontro%20col%20giornalista%20G.%20Lannes%20(25-02-17).pdf

TRUMP RILANCIA LA GUERRA NUCLEARE USA



di Gianni Lannes

Non che Obama sia stato da meno con l'appalto nel 2012 alla Boeing e con ben due esercitazioni nucleari svolte in Italia. Trump amplierà l’arsenale atomico nordamericano: «Non vogliamo essere dietro a nessuno sul nucleare». L’Europa non si rallegra, poiché alcuni staterelli, inclusa la colonia Italia, ospitano in violazione del trattato di non proliferazione (TNP) 480 bombe nucleari modelli B61 in fase di potenziamento. L’ultima versione di questo ordigno atomico sarà equipaggiata sul cacciabombardiere nucleare italiano F-35. I primi due velivoli sono stati dislocati all’aeroporto di Amendola in Puglia.

ESPIANTI MINORI!

KERI YOUNG SEI UNA MADRE O UNA FATTRICE D'ORGANI?
Arriva dagli Stati Uniti una storia di stupidità e masochismo con finale sadico




Possiamo capire che una donna non si senta di abortire neppure se l'embrione/feto è malformato. Non possiamo però capire come mai quella madre che si rifiuta di abortire l'embrione possa cullare nel suo ventre quel feto malformato, farlo sviluppare col preciso obiettivo di “donare” i suoi organi non appena partorito e porre così fine alla sua vita. E' male uccidere con l'aborto mentre è bene uccidere con l'espianto?