24.10.14

INFORMAZIONE: IL SALE DELLA DEMOCRAZIA!

Migliaia di persone ogni giorno e da ben due anni e mezzo leggono e scaricano utile documentazione da questo diario internautico. Eppure a tutt'oggi solo alcuni lettori hanno fornito un piccolo contributo. 

L'informazione è il sale della democrazia, ma il lavoro di ricerca ha un costo economico, ormai insostenibile senza l'aiuto dei lettori. Non è intenzione dell'autore chiedere l'accesso a pagamento del sito, o dare spazio alla pubblicità, già richiesta ma rifiutata, bensì affidarsi al generoso e libero buon senso dei fruitori. Al dono del tempo segue il tempo del dono.

22.10.14

SI LOTTA UNITI PER LA VITA!



di Gianni Lannes


Ho dedicato quasi tre anni al diario internautico SU LA TESTA!, pubblicando documentazione utile al bene comune, alla collettività. Non è un passatempo ma un'attività di ricerca indipendente che richiede attenzione ed energie, e sovente espone a rischi vitali. La qualità della vita va scemando visibilmente, ormai ovunque, e non certo per volontà naturale o divina, ma per sete di potere ed ingordigia di dominio sul genere umano, da parte di alcuni criminali multinazionali. Anche i popoli europei sono stati colonizzati dal potere economico. L'unico destino non può essere ubbidire e consumare. Se non metteremo in campo quanto prima una lotta efficace per un’esistenza migliore, oserei dire, civile, non ci sarà futuro. Non siamo isole: nessuno da solo, può farcela. Dopo l’analisi, l’informazione e la consapevolezza critica occorre l’azione, altrimenti la fatica è vana. Non so se la mia lettera aperta all’ambasciatore degli Stati Uniti d’America sortirà un risultato positivo. Tuttavia, bisogna osare. Al dono del tempo può corrispondere il tempo del dono. L’informazione è il sale della democrazia, ma spetta a tutti prenderne atto concretamente. Ai lettori la scelta! Auguri e grazie.



GUERRA AMBIENTALE: GIANNI LANNES SCRIVE A JOHN R. PHILLIPS, AMBASCIATORE USA IN ITALIA

Venezia: irrorazione bellica di scie chimiche
di Gianni Lannes



“14 febbraio 2013 -- Il MUOS è il programma di comunicazione satellitare a banda stretta di nuova generazione del Dipartimento della Difesa creato per sostenere le operazioni militari USA e NATO in tutto il mondo”. 

E' quanto si legge testualmente sul sito online dell'ambasciata USA in Italia. Infatti, come avevo già documentato qualche anno fa - nel libro IL GRANDE FRATELLO. STRATEGIE DEL DOMINIO - il MUOS costruito illegalmente in Sicilia, in barba alla protezione della salute e alla difesa dell’ambiente, è uno strumento di guerra che viola l'articolo 11 della Costituzione repubblicana italiana. Inoltre, il conseguente inquinamento elettromagnetico danneggia la salute del popolo siciliano.
  

Sigonella: Sicilia

Dopo l'analisi e l'informazione occorre l'azione concreta. Mi auguro che cittadine e cittadini italiani si risveglino quanto prima dal nebuloso sonno della ragione. L'Italia ha bisogno di libertà, indipendenza, sovranità, giustizia sociale, salute e speranza.

Scie chimiche: Italia

LETTERA APERTA all'ambasciatore degli Stati Uniti d'America, John R. Phillips


Ambasciatore Phillips, poiché i governanti italiani si dimostrano succubi del suo governo stanziato a Washington, e se ne infischiano dell'avvelenamento arrecato al territorio e dei danni alla salute provocati dall'irrorazione bellica che perdura sui centri abitati italiani da qualche decennio, disdegnando di fornire chiarimenti al popolo "sovrano" rifiutandosi di rispondere agli atti parlamentari (interpellanze e interrogazioni), la invito ad informare il suo Dipartimento di Stato e il presidente Obama, invitandoli a sospendere immediatamente le operazioni di cosiddetta "ingegneria ambientale" realizzata segretamente nel mio Paese. Sono disponibile ad un confronto pubblico con Lei sul tema.


Dear Mr. Phillips,

I have been following alternate sites, gathering information on chemtrails and other various experiments conducted in the atmosphere. As I am sure you are aware thousands of people have been reporting on chemtrail activity worldwide for a number of years now. The internet is loaded with videos and photos depicting this activity with many theories surrounding this topic. Some theories pretty far out there. This subject sparked my interest several years ago. Being a retired police investigator in combination with a part time videography and photography business I began taking video and photos of chemtrail activity over the Puglia. In the past two years I have compiled thousand of photos and hundred of hours of color, infrared and full spectrum footage of these events. Utilizing a 1400 mm lens I have been able to capture spraying jets activate and deactivate the spraying apparatus with different length trails targeting various unusual cloud formations. Along with chemtrails I have captured other strange experiments of what appears to be man made cloud formations that are somehow anchored in the sky unaffected by high winds. These various cloud formations are continually sprayed by jets targeting the upwind portion of the cloud. As the cloud remains stationary the rear portion of the cloud emits cloud material that is carried away by the wind. Like the exhaust of an internal combustion engine (Tail Pipe). On one occasion videoing one very large cloud, I observed on radar this cloud material being carried away into Italy. Other strange triangular craft have been captured worldwide releasing cloud material and interacting with chemtrail spray. I have also captured these craft as well. I do not believe in UFO’s or ET’s from another planet but these craft are strange. I have captured all these events by simply pointing my cameras to the sky from my ranch in the Puglia. One small area of sky. As stated these events are being captured worldwide. Over the past two years I have supplied all my footage and photos to chemtrail activists, talk radio personalities and research groups in a hope to find answers to these ongoing geo engineering / chemtrail / cloud operations. Most researchers, activists, and alternate news reporters believe all this activity to be a clandestine operation with serious health issues resulting from this activity. I believe there is a logical scientific explanation of these events and have received help from constituents in finding answers. These events go way beyond simple contrails. I am contacting NASA in hope that their open door policy of transparency to the public will shed some light and information to this activity. If possible please forward information on these activities and I will forward that information to my constituents in the hope of bringing a logical explanation to these activities. Thank you for your time. 
 
Sincerely,

Gianni Lannes

21.10.14

41 MARINAI ASSASSINATI E UNA BANCA IN SVIZZERA DEL VATICANO






 di Gianni Lannes

Lavoratori del mare assassinati brutalmente per aver visto cose inenarrabili. Storie che reclamano giustizia e verità.
  
Un identico filo rosso accomuna due vicende apparentemente lontane, ma risultano interrelate a numerose altre. Nel marzo del 1962 sparisce nel Mediterraneo la nave Hedia con 20 uomini a bordo. Nel dicembre 1977 il Mar Nero inghiotte la nave Lorna I con 21 persone d’equipaggio. Non solo un unico tragico destino su cui regna il mistero, ma anche un’unica proprietà anonima dei due mercantili, ovvero la Compagnia Naviera General S.A. di Panama con sede europea presso il Banco di Roma di Lugano. Il raccomandatario marittimo, Giuseppe Patella di stanza a Venezia, è lo stesso agente per entrambe le navi.

“SO SOLO PER CERTO QUELLO CHE NON VOGLIO”

di Franco Giusto

Per la prima volta nella mia vita ho sentito questa  frase. A pronunciarla  è stata una mia carissima collega a proposito di una scelta   che dovrebbe fare fra poco.  Me l'ha riferita quasi  fosse un suo limite, una  sua  insicurezza ; personalmente l'ho recepita invece come un valore aggiunto, come il risultato di un suo bel cammino interiore  che la porterà per esclusione e in modo alternativo a capire veramente le realtà a cui tiene.

SCIE CHIMICHE: UNA TESTIMONIANZA ITALIANA

 
 Italia (20 ottobre 2014): scie chimiche - foto D'Errico

Buonasera sig. Lannes, è passato un anno da quando le ho scritto la prima volta e mi dispiace non poter testimoniare con le foto quello che ho visto, purtroppo non ho una macchina fotografica in grado di fare foto con una buona risoluzione, ho provato anche col telefonino ma non rendono come la realtà.   Io vivo a Foligno, in Umbria e oggi 19 ottobre sono 24°, è quasi un mese ormai che la temperatura oscilla tra i 20/24° già dalla mattina alle 7:00 . Oggi si potrebbe descrivere come una tipica giornata primaverile. E' assurdo!! Tra l'altro molto spesso qui da noi la frase tipica in queste circostanze è: "passerà il terremoto?!" perché fra tanti, me compresa già da prima che vedessi il suo blog, non so perché, ma queste giornate climaticamente "strane" ci fanno pensare al terremoto!!   Inoltre quasi ogni giorno il nostro cielo è solcato da scie chimiche, ogni mattina quando accompagno mia figlia a scuola e alzo la testa vedo triangoli e quadrati creati dai 3/4 aerei che ancora stanno solcando il cielo liberando scie chimiche. E la stessa cosa poi si verifica nel pomeriggio.   Io non so che pensare, ne parlo  con la mia famiglia, con i miei amici, alcuni dei quali già conoscono le scie chimiche, ma mi sento un granello di sabbia. Spero che la mia testimonianza possa esserle di aiuto, grazie   Chiara  

risposta di Gianni Lannes


...La rassegnazione si combatte con lucido pensiero e azione personale. Non esistono eroi e paladini che si battono mentre tutti gli altri vegetano come se niente fosse. Ogni umano è chiamato a fare la sua parte. Si pensa di non poter far nulla, e così si diventa sempre più complici del più banale dei crimini: l’indifferenza...

IL TEATRINO DELL'EBOLA: GLI ESPERTI ATTACCANO I TEST DIAGNOSTICI


di Jon Rappoport

(traduzione di Antonio Bassi)

Gli esperti esprimevano seri dubbi per tutto il tragitto nel 1977. Proprio all'inizio erano in discussione la validità dei test standard utilizzati per diagnosticare Ebola - test che sono l'unico modo per dire che il virus è presente negli esseri umani. Naturalmente, se i test sono inaffidabili, l'intera premessa di un'epidemia causata da un singolo virus non ha alcun valore. Si tratta di un presupposto ingiustificato. A quel punto, si può guardare alla malattia e alla morte come derivanti da una serie di cause. E si arriva al fatto che, in Africa, un gran numero di persone sono morte, per un tempo molto lungo, per ragioni che non hanno nulla a che fare con i germi: stridente povertà, guerra, fame e malnutrizione grave, acqua contaminata, pesticidi, mancanza di servizi igienico-sanitari di base, estremo sovraffollamento, terreni agricoli rubati, farmaci tossici, e così via. Non una epidemia virale. 

20.10.14

SPARITI PER SEMPRE 19 MARINAI ITALIANI E UN GALLESE A BORDO DI NAVE HEDIA

Algeri (2 settembre 1962), ambasciata di Francia: prigionieri italiani - foto Jim Howard (United Press International)




di Gianni Lannes

A chi può interessare la sparizione di 20 vite spezzate per sempre nel Mar Mediterraneo? Lo Stato italiano non li ha mai cercati, anzi li ha lasciati assassinare e poi ha puntato sull'oblio. E nessun magistrato si è mai sognato di andare a fondo, ma non è mai troppo tardi. Il signor Romeo Cesca ha perso il figlio Claudio, il ventiquattrenne marconista di bordo. Ha sporto denuncia ai carabinieri di Trieste, ma quel comando dell’Arma invece di trasmettere alla Procura della Repubblica lo scottante atto, l’ha invece scaricato alla prefettura locale. Risultato: il nulla di fatto. Nessuna indagine giudiziaria e nessuna inchiesta giornalistica. I giornali non hanno fatto altro che pubblicare distrattamente le veline ufficiali, quando i parenti hanno osato avanzare qualche timida domanda. Poi, chi comanda ha mandato in onda i soliti depistaggi fino ai giorni nostri.

NAVE HEDIA: NESSUN NAUFRAGIO. LANNES SCRIVE ALL'AMBASCIATORE DI FRANCIA IN ITALIA

Algeri (2 settembre 1962), Ambasciata di Francia: "prigionieri europei" - foto Jim Howard (United Press International)




Roma, 20 ottobre 2014

                                                  
Alla cortese attenzione dell'ambasciatore di Francia in Italia
Catherine Colonna



Madame Colonna,


Le scrivo in merito alla sparizione di ben 20 marinai, 19 dei quali italiani ed uno di origine gallese, scomparsi nel marzo1962 e fotografati il 2 settembre 1962 da Jim Howard ( inviato di United Press International) nell’ambasciata francese ad Algeri.

L’immagine è stata poi diffusa in Italia dall’Ansa (agenzia giornalistica italiana) il successivo 13 settembre dello stesso anno, e pubblicata da alcuni quotidiani e dal settimanale L’Europeo. La didascalia ufficiale confermata dall’UPI attesta che si tratta di “europei liberati”. La United Press ha inoltre comunicato da Parigi che la telefoto è autentica, ed è stata ritratta il 2 settembre 1962. 

SU LA TESTA!

di Giusto Franco

Ormai le buone intenzioni non bastano più. Da che parte stò? Una domanda che ciascuno di noi, meglio prima che  poi, dovrà porsi. E' inevitabile. Far finta di niente pensando esclusivamente a se stessi è una  ideologia  di falso benessere con la quale dovremo confrontarci una volta arenati sulla spiaggia delle illusioni e delusioni. Qual è la  missione per cui sono nato? Ognuno, nessuno escluso, ne ha una da portare a termine, a volte più di una. E riguarda innanzitutto noi stessi, nel senso che come esseri umani possiamo scegliere di evolverci, o altrimenti andare incontro ad involuzionE.

SCIE CHIMICHE: LE PROVE DELL'ORGANIZZAZIONE METEREOLOGICA MONDIALE

Italia (20 ottobre 2014, ore 7,30): scie chimiche (foto D'Errico)


di Gianni Lannes



Evidenze visive inconfutabili, riscontri documentali e ancora prove ufficiali del governo United States of America. Anche la World Metereological Organization, ovvero la massima autorità planetaria in materia di clima, ammette e documenta la guerra ambientale in atto - vietata peraltro da una Convenzione internazionale in vigore dal 1978 e da una risoluzione del Parlamento europeo del 1999 - per scatenare le forze della Natura e usarle contro l'umanità al fine di dominarla e schiavizzarla. Ecco, di seguito alcuni rapporti ufficiali. Le scie chimiche (chemtrails è un termine coniato dall'Aeronautica militare USA) sono la prova più evidente (il nervo scoperto) del nuovo ordine mondiale in atto, che con il pretesto del "buco dell'ozono" fabbricato a tavolino da scientisti compiacenti, sta annientando la fecondità e della vita su Gaia. E' l’ora di arrestare per sempre questi terroristi e criminali al comando di multinazionali e di Stati, partendo proprio dall'Europa, ma anzitutto dall'Italia, l'anello debole di questo perverso sistema che vuole annientare la libertà e la vita.

riferimenti: