4.12.16

VINCE IL NO: VIA L'INELETTO RENZI!

 di Gianni Lannes


Quando il cambiamento telecomandato dall'estero è peggioramento totalitario. Comunque, il popolo italiano nonostante il bombardamento forsennato dell'ineletto Matteo Renzi (ha bruciato una ventina di milioni di euro per la sua propaganda sui mass media, tesa a distrarre il popolo italiano dai veri problemi) ha offerto una prova di straordinaria libertà. Renzi aveva promesso che in caso di sconfitta si sarebbe ritirato a vita privata. L'occasione è propizia per cacciarlo via da Palazzo Chigi, unitamente a tutti i suoi lacché ad ogni livello, e spedirlo in Toscana, ad amministrare tutt'al più un condominio. L'Italia, però, deve conquistare l'indipendenza e la sovranità. Il primo passo è una nuova Costituente, una legge elettorale democratica per uno Stato didiritto ed una nuova classe politica (dirigente) non eterodiretta.

riferimenti:




3.12.16

IL 4 DICEMBRE VOTO NO!

di Gianni Lannes

La Costituzione repubblicana italiana non va manipolata, bensì finalmente applicata. Diamo vita ad una nuova Costituente. L'Italia ha bisogno di indipendenza e sovranità. Via l'ineletto Renzi e i suoi padroni stranieri.

1.12.16

CONFERENZA DEL DOTTOR LANNES CON IL VESCOVO RENNA


Orta Nova, sabato 3 dicembre 2016, ore 19. L'autore presenterà il volume alla Chiesa Madre. Presenzierà Luigi Renna, vescovo di Cerignola-Ascoli Satriano.

GOVERNO RENZI: SI ENERGAS

di Gianni Lannes



Ecco quanto è credibile l'ineletto Renzi. Come da collaudato copione, a Roma hanno deciso ancora una volta sulla testa della popolazione di Manfredonia e della Daunia, ma i più ancora non lo sanno, e per il momento non devono saperlo. Nel frattempo in provincia di Pavia è esplosa una raffineria. Ancora una volta quelli del piddì hanno mandato in onda una farsa. Infatti, l’autorizzazione unica a Roma è positiva e comporta la dichiarazione di pubblica utilità dell’opera. L’esito positivo della Valutazione d'Impatto Ambientale (V.I.A.) costituisce parte integrante e condizione necessaria del procedimento autorizzatorio. Adesso, però, c'è di mezzo il referendum anticostituzionale imposto dal Renzi, e allora il 4 dicembre bisogna accalappiare i “si” degli ignari. A dopo l'amara sorpresa, mentre è già pronto l'indoramento della pillola: qualche posto di lavoro sul carro di Carnevale. Diamante Menale non vede l'ora di aprire il cantiere in mare e sulla terraferma. 

ENERGAS: SINDACO RICCARDI DOV'E' IL SUO RICORSO ALL'EUROPA?


di Gianni Lannes


Il sindaco pro tempore Riccardi Angelo del piddì, ha dichiarato a più riprese sulla stampa locale, anche attraverso un proprio comunicato datato 16 novembre 2016, di aver depositato personalmente un ricorso alla Commissione europea, ovvero una denuncia contro lo Stato italiano, relativa all'Energas. Se così fosse, perché non ha reso pubblico questo documento timbrato e protocollato dalle autorità di Bruxelles? Dunque, in base al principio normativo della trasparenza amministrativa, ai sensi della Convenzione di Aarhus, ratificata dalla legge statale italiana numero 108 del 2001, il geometra Riccardi Angelo renda di dominio pubblico tale atto immediatamente, o almeno entro il 3 dicembre 2016, ovvero un giorno prima del referendum anticostituzionale imposto dall'inquilino ineletto di Palazzo Chigi, così come la promessa del medesimo primo ministro pro tempore Matteo Renzi, di arrestare l'Energas. Cittadine e cittadini di Manfredonia e della provincia di Foggia hanno il diritto di leggere questo presunto "dossier", e valutarlo nel merito, ammesso che esista realmente. Un eventuale diniego del "primo cittadino" sarà interpretato come una menzogna alla cittadinanza di Manfredonia, e alla popolazione della Daunia. Carta canta, altrimenti è aria fritta, perché la politica è al servizio della collettività e non il contrario. 


30.11.16

DAL CULTO DELLE ACQUE ALLA CURA MORTALE DEL CEMENTO ARMATO!





di Gianni Lannes

Qui nel Gargano ha avuto origine il popolo dei Dauni, vale a dire dei lupi. Lucani, Sanniti e Irpini sono discendenti degli antichi Dauni. E’ uno dei principali ambiti europei di interesse archeologico. «Il complesso di Scaloria Occhiopinto ha fornito il maggior numero di informazioni sul Neolitico di tutta l’Italia sud orientale - spiega Marija Gimbutas, archeologa, condirettrice degli scavi del 1978-79 - La Grotta Scaloria è unica in Italia per il luogo sacro e per le sue sepolture». Dal 1967 è stata avviata l’indagine della parte più profonda della labirintica caverna, dove gli studiosi localizzeranno i resti di un cerimoniale religioso, collegato ad un culto delle acque praticato attorno alla fine del V millennio avanti Cristo.

il nuovo mercato Scaloria

INFERNO UMANO!





di Gianni Lannes

Invisibili eppure ad un soffio dai nostri occhi e dal cuore dell'umanità, mentre imperversa il cinismo e l'indifferenza. Senza luce, senza riscaldamento, senza servizi igienici, senza acqua corrente, senza solidarietà, senza compassione, senza amore. Un vasto accampamento di poverissime baracche cadenti flagellate dalla tramontana e accartocciate con poveri materiali di risulta, attorno ad una masseria diroccata. Grazie alla pioggia di ieri nella bidonville scorre un torrente di fango misto a rifiuti d’ogni genere, compresi brandelli di eternit. I bambini giocano comunque all’aria aperta anche se il freddo è pungente, attenuato in questi tuguri da rudimentali stufe singhiozzanti.



SU LA TESTA!

 La ricerca indipendente va sostenuta concretamente!

Se ciascuno dei tanti lettori donasse spontaneamente qualcosa, invece di attingere soltanto da questo diario internautico, potremmo finanziare le attività di SU LA TESTA! per un altro anno. Fai la tua parte: al dono del tempo segue il tempo del dono. Grazie!


SU LA TESTA!

conto corrente di Poste italiane

iban:

IT80 J076 0115 7000 0009 3227 742

dall'estero:
codice BIC/SWIFT
BPPIITRRXXX



29.11.16

GIANNI LANNES A FOGGIA: IL VIDEO



ENERGAS: INVITO AL CONTRADDITTORIO PUBBLICO


Gianni Lannes (anno 2016)
E' un esercizio dialettico della democrazia. Oggi alle ore 18, 29 è stato inoltrato, per posta elettronica, il seguente invito. La questione Energas non è affatto risolta positivamente per la collettività. Il governo Renzi, contraddicendo la vulgata locale del piddì allergico alle critiche costruttive, ha tutta l'intenzione di far realizzare questa bomba ad orologeria, a base di gas di petrolio liquefatto. Non è a rischio di incidente rilevante, soltanto Manfredonia ma l'intera Daunia. In uno Stato di diritto contano le domande e le mancate risposte e/o presenze istituzionali, sono o saranno altrettanto eloquenti e significative. Bisogna battersi fino alla fine perché non vada a finire come con l'Anic-Enichem! La provincia di Foggia non è una colonia, e i politicanti devono mettersi nella zucca che devono sempre rendere conto a cittadine e cittadini. A proposito: il 4 dicembre votate NO.

Alla cortese attenzione del presidente della regione Puglia Michele Emiliano
dell'onorevole Michele Bordo
del consigliere regionale Paolo Campo
del sindaco Angelo Riccardi


Si invitano per un contraddittorio pubblico nell'interesse esclusivo della Daunia, le SS.ll. all'incontro che l'ex giornalista  Gianni Lannes, terrà il 10 dicembre prossimo, alle ore 17,30 presso l'auditorium di Palazzo Celestini a Manfredonia. Il tema della serata è l'ENERGAS! Distinti saluti!

 
Letizia Ricci
 

CONFERENZA DI GIANNI LANNES AD ORTA NOVA!


Orta Nova, sabato 3 dicembre 2016, ore 19. L'autore presenterà il volume alla Chiesa Madre. Presenzierà Luigi Renna, vescovo di Cerignola-Ascoli Satriano.

28.11.16

ELOGIO DELL'INFANZIA

La mia Africa - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)

“Elogio dell’infanzia” di Peter Handke. Su questi suoi versi inizia uno dei più grandi capolavori del cinema, ovvero “Il cielo sopra Berlino” che Wim Wenders firmò nel 1987...

https://www.youtube.com/watch?v=W8nKl6qtLMs 

 di Peter Handke

Quando il bambino era bambino,
camminava con le braccia ciondoloni,
voleva che il ruscello fosse un fiume,
il fiume un torrente
e questa pozzanghera il mare.

Quando il bambino era bambino,
non sapeva di essere un bambino,
per lui tutto aveva un’anima
e tutte le anime erano un tutt’uno.

A TUTTO GAS!

La festa all'Energas (Kuwait Petroleum)

Conferenza di 

Gianni Lannes

e presentazione del dossier

A TUTTO GAS!

Manfredonia, sabato 10 dicembre, ore 17,30
Auditorium Serricchio di Palazzo Celestini (corso Manfredi)

 Sono invitati a presenziare il presidente della Regione Puglia, Emiliano, nonché il sindaco Riccardi, il deputato Bordo e il consigliere regionale Campo. I politicanti del piddì avranno il coraggio di un contraddittorio pubblico, prove alla mano, oppure diserteranno questo appuntamento?

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2016/11/gianni-lannes-porta-manfredonia.html

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=energas 

BAMBINI A PERDERE


Chi è interessato ad una presentazione dell'autore può contattare il seguente indirizzo:

sulatestaitalia@libero.it
 

27.11.16

ENERGAS: A BORDO CAMPO C’E RICCARDI





di Gianni Lannes


Almeno adesso fanno propaganda insieme per il referendum anticostituzionale voluto dall'ineletto Renzi. Una farsa in cui i tre manfredoniani del piddì si contraddicono tra loro, ma il web non ha la memoria corta. Ecco alcune dichiarazioni dimenticate. 

«Gpl Energas, Campo “Un’iniziativa produttiva degna ma che Manfredonia non vuole»: è quanto ha dichiarato il 16 ottobre 2016 tale Paolo Campo (ex sindaco, attuale consigliere regionale). Come si fa a definire così positivamente un gigantesco impianto di gas a petrolio liquefatto, a rischio di incidente rilevante? Il Campo è tutto qui.


RENZI TOGLIE AI POVERI E DA’ AI RICCHI





di Gianni Lannes

Cosa non inventano quelli del piddì per raccattare “si” al referendum anticostituzionale del 4 dicembre prossimo, quando l’ineletto Renzi prenderà una batosta colossale, che lo spedirà in Toscana ad amministrare al massimo un condominio di periferia. Che dire delle aberranti dichiarazioni del Napolitano che ha imposto uno dietro l'altro Monti, Letta & Renzi, ma senza il voto del popolo sovrano? Quanto al gioco delle tre carte va in scena in Puglia.

IL GHETTO INVISIBILE DI BAMBINI E SCHIAVI!

 foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)

di Gianni Lannes

Nel Mezzogiorno c'è il terzo mondo dell'Europa, vale a dire un inferno per l'infanzia. Ecco un altro ghetto ai confini della realtà, proprio in Puglia, mai isola felice. Nel bel mezzo centinaia di bambini in età scolare, tra cui tanti pargoli con spiccioli di primavere, di nazionalità bulgara, giacciono in condizioni estreme, attorniati da una miriade di adulti a loro volta schiavizzati come braccianti agricoli da padroni italiani. Senza dimenticare lo sfruttamento sessuale delle adolescenti, vendute in zona al peggior offerente; basta fare un giro delle statali nei pressi dei centri urbani per rendersene conto alla luce del sole o dei falò notturni. Qui manca l’acqua potabile e l’elettricità, anzi manca tutto, l'essenziale alla vita. Scarseggia soprattutto il calore umano, tanto che il freddo e l'umidità fendono e offendono queste fragili vite umane. Ecco il cuore della Daunia, in località “feudo della Paglia”, proprio dove l’agro di Manfredonia lambisce quello di Cerignola e Foggia, a dieci minuti d’auto dall’ex capoluogo provinciale dove risiede comodamente il prefetto. I minori che in loco sopravvivono subiscono violenze. Ovviamente non c'è un medico e neppure una farmacia. Qui, ai margini della strada provinciale 80 e la statale 544, quando qualcuno si sente male può soltanto sperare di crepare. E se qualche bimbo viene abusato, sparisce o viene assassinato chi se ne accorge? Secondo l'ultimo rapporto del ministero delle politiche sociali (datato 31 ottobre 2016), ben 6.503 minori risultano "irreperibili", ovvero sono spariti nel nulla. Tranquilli: questi piccoli non rientrano nel computo ufficiale, perché sconosciuti alle autorinazionali. Che ne sarà di loro? Nel frattempo la criminalità organizzata ringrazia la latitanza dello Stato italiano, che calpesta la Convenzione internazionale sui diritti del fanciullo e le sue stessi leggi.

MACELLERIA DI BAMBINI E ADOLESCENTI IN ITALIA!


Chi è interessato ad una presentazione dell'autore può contattare il seguente indirizzo:

sulatestaitalia@libero.it
 

GLI SPRECHI DELL’EUROPA




di Gianni Lannes

Almeno sulla carta l’unione europea doveva garantire progresso e prosperità ai popoli del vecchio continente, ma invece di assicurare una vita migliore a cittadine e cittadini, incrementa il malaffare. Basta dare un'occhiata ai fondi europei elargiti a pioggia, per rendersi conto.

Quanto al cattivo governo dell’Unione da parte di soggetti addirittura non eletti dai popoli, non vi è alcun controllo correttivo. La Commissione europea iperattiva nel richiamare gli Stati per il rispetto delle regole dell’euro, vanta un deficit iperbolico: 4,8 per cento, nettamente superiore alla soglia del 3 per cento del trattato di Maastricht.

ATTENZIONE AI BONIFICATORI DELLA NATURA!



di Letizia Ricci

Occhio alle istituzioni. Ancora una volta e come sempre il Gargano è a rischio! Presunta "valorizzazione" fa rima con speculazione? Giù le mani dalla montagna del sole!

riferimenti:

Gianni Lannes, La montagna profanata, Edizioni del Rosone, Foggia, 2015.

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=gargano